19 Gennaio 2021 - 20:00

La TIU squalifica due giocatori per match-fixing

La Tennis Integrity Unit (TIU), che dal 1 ° gennaio 2021 è stata rinominata International Tennis Integrity Agency (ITIA), ha bandito un giocatore egiziano e un giocatore uzbeko per reati relativi a scommesse sportive e partite truccate

05 Gennaio 2021

Print Friendly, PDF & Email

La Tennis Integrity Unit (TIU), che dal 1 ° gennaio 2021 è stata rinominata International Tennis Integrity Agency (ITIA), ha bandito un giocatore egiziano e un giocatore uzbeko per reati relativi a scommesse sportive e partite truccate. L’egiziano Mostafa Hatem, il cui punteggio più alto dell’Associazione dei professionisti del tennis (ATP) era 1556, è stato squalificato per tre anni (con un anno di sospensione) e una multa sospesa di $3mila. Hatem ha ammesso la colpa per diversi reati, tra cui manipolare o tentare di manipolare il risultato o qualsiasi altro aspetto di un evento di tennis e non averlo segnalato alla TIU. Temur Ismailov, dall’Uzbekistan, il cui punteggio più alto nei singoli ATP è stato di 397, ha ammesso di essere stato coinvolto in tre casi di partite truccate nel 2014, 2015 e 2019 ed è stato squalificato per sette anni (due sospesi) e una multa di $12mila.

 

 

 

PressGiochi

Fonte immagine: Match-Fixing - Europe's HUman Right Watchdog