25 Gennaio 2021 - 21:51

La TIU bandisce a vita un giocatore algerino per match-fixing

La Tennis Integrity Unit (TIU) ha bandito a vita il giocatore algerino Aymen Ikhlef un divieto a vita dopo aver riscontrato 10 violazioni del Tennis Anti-Corruption Program (TACP), incluse quattro

16 Dicembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

La Tennis Integrity Unit (TIU) ha bandito a vita il giocatore algerino Aymen Ikhlef un divieto a vita dopo aver riscontrato 10 violazioni del Tennis Anti-Corruption Program (TACP), incluse quattro partite truccate. Richard McLaren ha stabilito che Ikhlef era colpevole di quattro casi di partite truccate, due casi di sollecitazione dei giocatori a non fare del loro meglio, tre casi di mancata denuncia di corruzione e un’accusa di mancata collaborazione con un’indagine. Ikhlef è il settimo giocatore o ufficiale ad essere stato bandito dalla TIU nelle ultime sei settimane. I

Il 1 ° gennaio 2021, la TIU cambierà il nome di International Tennis Integrity Agency (ITIA). Continuerà a coprire solo l’applicazione dell’integrità delle scommesse nel tennis nel 2021, prima di aggiungere il doping sotto la sua giurisdizione dal 2022.

 

 

 

PressGiochi

Fonte immagine: Match-Fixing - Europe's HUman Right Watchdog