27 Novembre 2021 - 14:52

La questione Global Starnet sarà risolta da un fondo maltese?

Il 21 settembre il Consiglio di Stato si pronuncerà sul ricorso presentato da Global Starnet contro l’ordinanza del Tar Lazio che aveva respinto il ricorso presentato dalla concessionaria a seguito

09 Settembre 2017

Print Friendly, PDF & Email

Il 21 settembre il Consiglio di Stato si pronuncerà sul ricorso presentato da Global Starnet contro l’ordinanza del Tar Lazio che aveva respinto il ricorso presentato dalla concessionaria a seguito della revoca decretata dall’Amministrazione.

L’ipotesi più plausibile è che i giudici di Palazzo Spada concedano la sospensiva del provvedimento in attesa del giudizio di merito. E questo potrebbe significare il prolungamento di circa un anno dell’attesa della parola fine sulla vicenda.

La sospensiva, comunque, renderebbe probabile l’instaurazione di una gestione commissariale della Global Starnet da parte della Autorità Anticorruzione (ANAC) e anche nel caso in cui il CdS non dovesse concederla  bisognerà poi escogitare nell’immediato una soluzione per evitare l’interruzione del servizio.

A quanto pare, però, a togliere le castagne dal fuoco per tutte le parti in causa, gestori compresi, dovrebbe intervenire un fondo maltese, che sarebbe disposto a rilevare in toto il concessionario. Resta da capire chi c’è dietro a questo fondo, anche per evitare qualsiasi tentativo di aggiramento. Ma, da quanto ci risulta, la trattativa è già a buon punto e l’annuncio potrebbe essere dato a breve.

 

PressGiochi

 

 

 

La Corte d’Appello di Saint Martin approva l’estradizione di Francesco Corallo mentre i dipendenti della Global Starnet manifestano davanti alla Prefettura di Roma

Operazione “Rouge et Noir”. E’ sbarcato in Italia Francesco Corallo