29 Settembre 2020 - 08:57

La questione Casinò Saint Vincent in Consiglio Regionale. Necessaria una riorganizzazione totale

La seconda Commissione “Affari generali”, nell’ambito del lavoro di approfondimento sulla Casa da gioco di Saint-Vincent richiesto dal Consiglio regionale con un ordine del giorno approvato a dicembre scorso, nella

09 Gennaio 2017

Print Friendly, PDF & Email

La seconda Commissione “Affari generali”, nell’ambito del lavoro di approfondimento sulla Casa da gioco di Saint-Vincent richiesto dal Consiglio regionale con un ordine del giorno approvato a dicembre scorso, nella giornata di oggi, lunedì 9 gennaio 2017, ha sentito gli ex amministratori e dirigenti del Casinò Luciano Natta, Piero Conca e Luca Frigerio.

«Oggi, la Commissione è stata travolta da una serie di informazioni e di indicazioni – riferisce il Presidente Leonardo La Torre -. I tre soggetti, auditi singolarmente, convergono su di un punto, ossia che è necessaria una riorganizzazione totale della Casa da gioco, sia sotto il profilo manageriale, sia sotto l’aspetto dell’organizzazione del gioco sia sotto quello del progetto, altrimenti non c’è nessuna possibilità di ripartenza. Hanno poi osservato che la scelta della privatizzazione, che può avere un senso, non coincide con quella della riorganizzazione: si tratta, infatti, di due strade diverse e bisognerà decidere prioritariamente quale intraprendere. Conca, Natta e Frigerio hanno poi evidenziato che la situazione attuale è frutto di scelte sbagliate del passato, con azioni che sono state anche pesantemente influenzate dalla politica, ma che i tempi di reazione a questo punto devono essere brevi e delle decisioni dovranno essere assunte.»

«La Commissione – aggiunge La Torre – ha poi rilevato che vi è un’incongruenza tra una serie di dati: i piani di sviluppo del Casinò presentati in Consiglio regionale non si sono avverati e le risorse previste per i piani di rilancio sono state notevolmente incrementate.»

«A fronte di questo scenario – conclude La Torre -, le forze politiche vogliono riservarsi un momento di riflessione al loro interno per metabolizzare tutte le informazioni e poi giungere a delle conclusioni. Lunedì prossimo 16 gennaio proseguiremo con altre audizioni per definire ulteriormente il quadro della situazione».

PressGiochi