28 Ottobre 2020 - 23:50

La Fifa squalifica il presidente del Club Olimpia per match-fixing

La Fifa ha disposto la squalifica a vita a Marco Antonio Trovato Villalba, l’attuale presidente del Club Olimpia, squadra paraguaiana, dopo averlo ritenuto colpevole di manipolazione di una partita.

28 Settembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

La Fifa ha disposto la squalifica a vita a Marco Antonio Trovato Villalba, l’attuale presidente del Club Olimpia, squadra paraguaiana, dopo averlo ritenuto colpevole di manipolazione di alcune partite. La commissione disciplinare della Fifa ha affermato che la sanzione di Trovato Villalba è in relazione a una serie di partite che si sono svolte tra il 2018 e il 2019, il tutto mentre era presidente del club. La Fifa non ha approfondito i dettagli delle partite in questione, ma ha confermato che Trovato Villalba aveva violato l’articolo 18 del Codice Disciplinare Fifa, che si concentra sulla manipolazione di partite e competizioni di calcio. Trovato Villalba è stato inoltre condannato per aver violato l’articolo 20 del Codice Fifa, che si riferisce al mancato rispetto del suo dovere di collaborare durante i procedimenti disciplinari Fifa. Di conseguenza, Trovato Villalba deve scontare un divieto a vita da tutte le attività legate al calcio e pagare anche una multa di 100mila CHF (92.350 euro). Trovato Villalba è stato informato della decisione oggi e dispone di 10 giorni per richiedere i motivi della sentenza, dopodiché sarà pubblicata sul sito legale della Fifa. Ai sensi dell’articolo 56 del Codice Disciplinare Fifa, Trovato Villalba può presentare ricorso contro la decisione presso il Comitato d’Appello Fifa. La sentenza arriva dopo che la Fifa all’inizio di questo mese ha designato una nuova app per smartphone della Federazione internazionale dei calciatori professionisti (FIFPro) per segnalare in modo anonimo le partite truccate come valido strumento di segnalazione di potenziale corruzione nello sport. La Fifa e il suo dipartimento per l’integrità ora indagheranno sulle informazioni riservate inviate tramite l’app condivisa da FIFPro.

 

PressGiochi