21 Settembre 2020 - 14:44

La Consulta Antiusura chiede incontro al Ministro Lorenzin su ingresso nell’Osservatorio sul Gap

La Consulta Nazionale Antiusura “Giovanni Paolo II” nella persona di mons. Alberto D’Urso, Segretario Nazionale della Consulta, ha chiesto al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, di entrare a far parte

15 Giugno 2015

Print Friendly, PDF & Email

La Consulta Nazionale Antiusura “Giovanni Paolo II” nella persona di mons. Alberto D’Urso, Segretario Nazionale della Consulta, ha chiesto al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, di entrare a far parte dell’Osservatorio per il contrasto della diffusione del gioco d’azzardo e il fenomeno della dipendenza grave, istituito dal DM del 20 maggio 2015.

Mons. D’Urso ha chiesto anche un incontro istituzionale con il ministro. “La Consulta Nazionale Antiusura ha colto per prima, il cambiamento in negativo che si e’ venuto profilando fin dalla meta’ degli anni Novanta di famiglie indebitate finite in usura, perche’ uno o piu’ congiunti avevano contratto la dipendenza da consumo di azzardo. Ancora, per prima, la Consulta – spiega D’Urso – ha denunciato la perversa sinergia tra l’incremento improvviso dell’offerta ‘monopolistica’ pubblica di azzardo e le modalita’ delinquenziali di controllo di scommesse, slot-machine, giochi di carte, rivelando l’arruolamento al consumo di azzardo delle fasce piu’ svantaggiate della popolazione e via via segmenti sempre piu’ vasti della societa’ italiana. Siamo sempre intervenuti con particolare fermezza, allorquando il Legislatore intendeva via via procedere a espandere l’offerta di “gioco pubblico con alea e con posta in denaro.

La Consulta dal 2001 spesso e’ intervenuta sul tema presso le competenti Commissioni di Camera e Senato. Ha depositato memorie, ricerche, pareri, elaborati alla Commissione Finanze del Senato; nella passata legislatura sono state offerte, per ben due volte, alla Commissione Antimafia approfondite Ricerche successivamente estese anche alla Commissione Affari sociali della Camera.

Preziose energie – scrive – sono state raccolte e rese operative con l’istituzione nel gennaio 2012 del Cartello ‘Insieme contro l’Azzardo’ che vede collaborare oltre alle 28 Fondazioni Antiusura regionali, nonché circa 200 centri di ascolto presenti in ogni Regione d’Italia, numerosissime Associazioni che si occupano da decenni direttamente della cura del disturbo da gioco d’azzardo”.

PressGiochi