28 Novembre 2022 - 15:32

KSA: mercato olandese stabile a 569,7 milioni di euro nel primo semestre

Dopo un periodo di rapida crescita dopo l’entrata in vigore del KOA Act lo scorso anno, il mercato olandese ha iniziato a stabilizzarsi e maturare, secondo l’Autorità olandese per il

03 Ottobre 2022

Print Friendly, PDF & Email

Dopo un periodo di rapida crescita dopo l’entrata in vigore del KOA Act lo scorso anno, il mercato olandese ha iniziato a stabilizzarsi e maturare, secondo l’Autorità olandese per il gioco, Kansspelautoriteit (KSA).

In un aggiornamento pubblicato oggi, la KSA ha dichiarato che i ricavi totali da gennaio a luglio 2022 sono stati pari a 569,7 milioni di euro, mentre i ricavi del primo trimestre sono stati registrati a 240 milioni di euro e il secondo trimestre a 246 milioni di euro.

Inoltre, sulla base del fatturato medio mensile che rimane “stabile” a 81,4 milioni di euro, la KSA prevede un trend di crescita continuo dal 13% al 15%, a seconda dei programmi sportivi.

Quando il KOA Act è stato attuato per la prima volta il 1 ottobre 2021, il numero totale di operatori autorizzati nei Paesi Bassi era 10, con alcuni operatori di spicco come Betsson LeoVegas in attesa di licenza in base al nuovo regime. Nell’ultimo anno, KSA ha rilasciato un totale di 22 “permessi” per scommesse sportive, corse di cavalli e casinò online a un totale di 14 operatori, con l’autorità che prevede che “è probabile che il numero di titolari di licenza aumenterà”.

Rimane comunque una minaccia per il settore regolamentato da parte di operatori illegali senza licenza. Un rapporto della Netherlands Online Gambling Association (NOGA) è stato citato dalla KSA a sostegno di ciò. In particolare, il rapporto ha rilevato che il 15% dei giocatori ha risposto affermando di aver giocato con un sito illegale, sebbene la stragrande maggioranza (85%) “giocasse esclusivamente con fornitori legali” – il tasso di canalizzazione in questo momento, secondo la KSA, era anche 85%. Ciò sembra dimostrare che l’obiettivo della KSA di incanalare i giocatori verso fornitori di giochi d’azzardo legali, con maggiori disposizioni in materia di responsabilità sociale e supervisione legale, lontano da siti senza licenza, è sulla buona strada.

PressGiochi