09 Agosto 2020 - 04:33

Jesi: approvato il nuovo regolamento per le sale giochi

Sconti sulla tassa rifiuti agli esercenti che rinunciano alle slot machine e forti limitazioni di orario per quanti continueranno a tenerle. È il fulcro del nuovo regolamento sul gioco d’azzardo

30 Aprile 2018

Print Friendly, PDF & Email

Sconti sulla tassa rifiuti agli esercenti che rinunciano alle slot machine e forti limitazioni di orario per quanti continueranno a tenerle. È il fulcro del nuovo regolamento sul gioco d’azzardo patologico approvato dal consiglio comunale di Jesi, lo scorso venerdì.

Per esigenze di tutela della salute e quiete pubblica, l’orario di esercizio delle sale giochi, nonché l’orario di funzionamento degli apparecchi e dei congegni vari di intrattenimento e svago con vincite in denaro, collocati negli esercizi autorizzati ex art.88 del T.U.L.P.S. (agenzie scommesse, sale bingo, sale VLT, ecc.) è dalle ore 14.00 alle 24.00. Orari ridotti, invece, dalle 10 alle 20, per tutti gli altri locali (bar, ristoranti, alberghi, rivendite tabacchi, esercizi commerciali, circoli ricreativi, ricevitorie lotto ecc.).

Al di fuori degli orari previsti, le sale giochi dovranno restare chiuse al pubblico, mentre gli apparecchi e i congegni vari di intrattenimento e svago con vincite in denaro collocati in tutte le altre attività dovranno essere spenti tramite l’apposito interruttore elettrico ed essere mantenuti non accessibili.

L’installazione di nuovi apparecchi meccanici e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da trattenimento (singoli apparecchi/new slot e sale giochi tradizionali), il loro trasferimento di sede e l’ampliamento della superficie – recita ancora il regolamento – sono subordinati all’ottenimento dell’autorizzazione rilasciata dal Comune, sulla base della normativa nazionale e regionale vigente.

È vietata l’installazione di apparecchi e congegni per il gioco in locali ubicati in un raggio di 500 metri da istituti universitari, da scuole di ogni ordine e grado, da istituti di credito e sportelli bancomat, da uffici postali, da esercizi di acquisto e vendita di oggetti preziosi ed oro usati, da nidi e scuole dell’infanzia, impianti sportivi e luoghi di aggregazione giovanile. È altresì vietata qualsiasi attività pubblicitaria relativa all’apertura o all’esercizio delle sale.

I locali che rinunceranno alle slot potranno beneficiare di uno sconto sulla tassa rifiuti.

PressGiochi