18 Settembre 2020 - 13:59

Isernia: centri scommesse e ctd nel mirino della Questura

Sale gioco e scommesse della provincia di Isernia sotto la lente della polizia. Gli agenti della questura pentra, alla luce di quanto disposto dalle direttive del ministero dell’Interno, stanno effettuando

08 Luglio 2016

Print Friendly, PDF & Email

Sale gioco e scommesse della provincia di Isernia sotto la lente della polizia. Gli agenti della questura pentra, alla luce di quanto disposto dalle direttive del ministero dell’Interno, stanno effettuando una serie di controlli straordinari, estesi a tutto il territorio, nell’ambito di una specifica attività di repressione e contrasto del gioco illegale e per la tutela dei minori.

Ispezioni mirate sono in corso da personale della Divisione di Polizia Amministrativa e della Squadra mobile, in collaborazione con personale dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza e con il supporto tecnico dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Particolare attenzione viene rivolta alla presenza di minori all’interno delle sale giochi e scommesse (VLT Video Lottery), alla verifica dell’osservanza della normativa vigente ed alla regolarità delle autorizzazioni.

Inoltre, vista la concomitanza di importanti eventi sportivi di carattere internazionale, massima considerazione viene dedicata ai controlli delle agenzie di gioco e scommesse, attive in provincia, che svolgono funzioni di intermediazione tra gli scommettitori ed i bookmakers esteri. Queste, raccogliendo le giocate e movimentando su conti esteri le somme introitate e le eventuali vincite da pagare ai giocatori, sono tenute a trasmettere i dati per via telematica attraverso i cosiddetti Centri Trasmissione Dati.
PressGiochi