02 Ottobre 2022 - 22:08

India: si rinvia discussione sulla nuova tassa del 28% su giochi online, ippodromi e casinò

In India, il Consiglio Goods and Services Tax (GST) ha posticipato a settembre la riunione di agosto sulla tassazione del gioco d’azzardo. Il Consiglio GST sta valutando l’introduzione di una

10 Agosto 2022

Print Friendly, PDF & Email

In India, il Consiglio Goods and Services Tax (GST) ha posticipato a settembre la riunione di agosto sulla tassazione del gioco d’azzardo.

Il Consiglio GST sta valutando l’introduzione di una tassa sui beni e servizi (GST) del 28% per i giochi online, gli ippodromi e i casinò, ma ha ritardato la sua riunione per consentire a un gruppo di ministri (GoM) di completare e presentare la sua relazione sulla questione.

Anche un altro GoM, che ha il compito di formulare raccomandazioni sull’istituzione di tribunali GST in ogni stato, ha bisogno di più tempo per completare il suo rapporto. Casinò, corse di cavalli e giochi online attualmente pagano il 18% del denaro raccolto per gioco. Il tasso proposto del 28% si applicherebbe ai giochi online che coinvolgono scommesse o giochi d’azzardo.

Per i casinò, il GoM ha raccomandato di tassare l’intero valore nominale di fiches/monete acquistate dai giocatori di casinò. La GST non verrebbe più riscossa sul valore della puntata di ogni giro di scommesse, comprese le scommesse vinte nei giri di scommesse precedenti. Inoltre, il GoM ha proposto una GST del 28% sulle tasse di iscrizione al casinò, inclusi cibo e bevande.

La proposta è stata criticata dagli operatori di gioco, inclusa la piattaforma WinZO, che ha affermato che “dipingere l’intera industria del gioco online con lo stesso pennello del gioco… avrebbe serie implicazioni sullo sviluppo di questo settore”. A luglio, il GoM si è incontrato con il Bangalore Turf Club ed ha anche visitato i casinò di Goa per acquisire un’esperienza diretta del settore.