19 Aprile 2021 - 07:31

India. Possibile introduzione di una regolamentazione centralizzata per i casinò

Gli stati in India potrebbero essere più ricettivi alla legalizzazione dei casinò a seguito della pandemia, tuttavia l’unica chiave per lo sviluppo del settore è una regolamentazione centralizzata.

03 Febbraio 2021

Print Friendly, PDF & Email

Gli stati in India potrebbero essere più ricettivi alla legalizzazione dei casinò a seguito della pandemia, tuttavia l’unica chiave per lo sviluppo del settore è una regolamentazione centralizzata. Al momento i casinò sono consentiti solo in due stati: Goa e Sikkim nell’estremo nord. Sikkim ha tre casinò operativi in ​​hotel a cinque stelle, mentre Goa ha sei casinò offshore nel fiume Mandovi e circa 10 hotel a cinque stelle che offrono macchine da gioco elettroniche. I giochi da tavolo dal vivo non sono consentiti negli hotel di Goa. Tuttavia, il gioco online basato sulle abilità è consentito su base statale. Poiché la pandemia ha lasciato i governi di fronte a grandi deficit fiscali sia a livello statale che nazionale visto il tremendo calo delle entrate in un momento in cui la spesa per gli aiuti è aumentata, sembra la situazione ”ideale” per un cambiamento, così da consentire agli Stati di beneficiare delle entrate fiscali del gioco d’azzardo.

Il consulente legale indipendente Jay Sayta, quando gli è stato chiesto se le autorità avrebbero preso in considerazione la possibilità di consentire alle società terrestri di offrire una sorta di gioco d’azzardo online, ha risposto: “Se me lo avessi chiesto prima di marzo 2020, avrei detto assolutamente no. Il governo non sarebbe stato ricettivo all’industria nel suo insieme, ma dopo il COVID-19, il mondo è cambiato. Anche altri governi statali stanno esplorando questa opzione e sono ansiosi di vedere come i casinò possono aumentare le tasse, l’occupazione e il turismo”. Ratul Sethi, direttore delle operazioni di Golden Gaming, che gestisce un casinò nel Sikkim, ha affermato di ritenere che lo stato sarebbe aperto ai modelli ibridi, ma manca una regolamentazione adeguata.

Kalyan Gudladana, fondatore di Tykhe Gaming, sviluppatore di attrezzature per casinò con sede a Bangalore, ha spiegato: “Il governo dell’Unione deve riconoscere questo come un settore. La concessione di licenze è avvenuta in più tranche. Goa legalizzato, poi ha seguito il Sikkim, ma a livello nazionale il riconoscimento di questo settore è in sospeso”.

Sayta, ha aggiunto che ci deve essere un dialogo continuo e un processo educativo sul potenziale economico che può essere generato e ha indicato l’esempio di Goa, che prima dell’apertura dei casinò era una destinazione altamente stagionale, senza visite durante il monsone . Ora è una scelta per tutto l’anno, che ha creato una crescita significativa nel settore del turismo e ha creato più di 10mila posti di lavoro diretti e indiretti, mentre i casinò sono stati i principali contributori alle iniziative di beneficenza. L’India ha il potenziale per essere uno dei più grandi mercati di casinò in Asia, con una classe media in rapida espansione sempre più disposta a spendere in viaggi e tempo libero.

 

 

 

PressGiochi