24 Settembre 2020 - 22:53

Il comune di Schio ha aumentato le sanzioni alle sale giochi che non rispettano gli orari di chiusura delle slot

La giunta comunale di Schio ha aumentato ha innalzato da 25 a 250 euro l’importo minimo da applicare in caso di violazioni a carico delle sale giochi che non rispettano

13 Maggio 2016

Print Friendly, PDF & Email

La giunta comunale di Schio ha aumentato ha innalzato da 25 a 250 euro l’importo minimo da applicare in caso di violazioni a carico delle sale giochi che non rispettano i limiti di orario previsti dall’ordinanza promossa lo scorso anno dal sindaco Valter Orsi, per contrastare il fenomeno del gioco d’azzardo patologico.

L’ordinanza, del marzo 2015, ha anche fissato gli orari di apertura dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 22 di tutti i giorni, compresi i festivi. Prima di questo aumento , erano previsti esporsi da 25 a 500 euro per l’infrazione di queste norme. Nei casi di violazioni ripetute, anche solo per due volte nell’arco di un anno, l’ordinanza comunale prevede anche la sospensione dell’attività fino a un massimo di sette giorni.

L’amministrazione ha apportato delle modifiche anche a quest’ultimo aspetto. È stato infatti stabilito in 500 euro l’importo della sanzione per la violazione dell’ordinanza di sospensione dell’attività delle sale giochi e del funzionamento degli apparecchi nei pubblici esercizi. Si tratta di un importo che sarà conteggiato per ogni giorno di mancato rispetto dell’ordine di sospensione ricevuto.

 

PressGiochi