19 Aprile 2021 - 08:18

I ‘marciatori’ del gioco legale arrivano a Torino, pronti a manifestare domani

Sono arrivati oggi alle 13,00 a Torino dopo una marcia di 100 Km che li ha visti partire da Alessandria per arrivare nel capoluogo piemontese in vista della manifestazione che

17 Marzo 2021

Print Friendly, PDF & Email

Sono arrivati oggi alle 13,00 a Torino dopo una marcia di 100 Km che li ha visti partire da Alessandria per arrivare nel capoluogo piemontese in vista della manifestazione che si terrà domani mattina da parte degli operatori del gioco legale contro la legge che entrerà definitivamente in vigore il prossimo 20 maggio decretando l’espulsione prevalente dell’offerta di gioco. Piero Corrado e Gaetano Giorgio Franchina erano partiti domenica da Bosco Marengo e raccontano così questa esperienza volta ad accendere i riflettori sui problemi del settore: “E’ stato un bel viaggio. Una bella avventura che non pensavamo di riuscire a portare a termine. Siamo pronti per domattina alle 9,30 ad essere in piazza Castello. Speri ci sarà tanta affluenza. Si parla di oltre mille persone. E’ una manifestazione importante per il futuro del nostro settore.

E’ un problema di politica e la politica deve decidere se abrogare la legge o trovare rimedi agli errori fatti in questi anni. Al 20 maggio le poche attività ancora rimaste andranno a sparire con il risultato di un’espulsione totale delle attività di gioco all’interno delle città del Piemonte. Troppi i luoghi sensibili inclusi nella norma.

Il nostro settore in Regione ha visto già nel 2017 la perdita di oltre 2mila persone e ora ne saranno perse altrettanti di posti di lavoro. Il problema non riguarda solo chi ha le sale giochi ma anche le attività come i bar che devono far fronte a nuove perdite.

Speriamo nell’intervento del Presidente Cirio che in campagna elettorale aveva garantito aiuto al settore. Ma ad oggi ancora non è stato fatto nulla”.

 

PressGiochi