14 ottobre 2019
ore 06:13
Home hot1 HBG Gaming. Presentato oggi a Roma il Bilancio sociale. Porsia: “Fare bene il nostro lavoro è il miglior contributo che possiamo dare alla società”

HBG Gaming. Presentato oggi a Roma il Bilancio sociale. Porsia: “Fare bene il nostro lavoro è il miglior contributo che possiamo dare alla società”

Si rivolge a tutti gli stakeholders il Bilancio sociale di HBG Gaming presentato oggi a Roma con l’obiettivo di delineare quali saranno le performance sociali dell’azienda per il futuro e informare sulle relazioni instaurate tra HBG e la società. Ad aprire la presentazione il Direttore generale Giuseppe Calzolaio. “Lo scorso anno – ha dichiarato - abbiamo presentato il primo bilancio sociale un po’ in sordina insieme ai dipendenti e quella è stata l’occasione per rivedere la nostra mission e a come avremmo voluto sviluppare l’identità dell’azienda . La prima responsabilità sociale di una azienda è quella di essere solida e responsabile con tutti i suoi dipendenti, clienti e fornitori. Hbg ha vissuto negli
SHARE
HBG Gaming. Presentato oggi a Roma il Bilancio sociale. Porsia: “Fare bene il nostro lavoro è il miglior contributo che possiamo dare alla società”

Si rivolge a tutti gli stakeholders il Bilancio sociale di HBG Gaming presentato oggi a Roma con l’obiettivo di delineare quali saranno le performance sociali dell’azienda per il futuro e informare sulle relazioni instaurate tra HBG Gaming e la società.

Ad aprire la presentazione il Direttore generale Giuseppe Calzolaio. “Lo scorso anno – ha dichiarato – abbiamo presentato il primo bilancio sociale un po’ in sordina insieme ai dipendenti e quella è stata l’occasione per rivedere la nostra mission e valutare come avremmo voluto sviluppare l’identità dell’azienda. La prima responsabilità sociale di una azienda è quella di essere solida e responsabile con tutti i suoi dipendenti, clienti e fornitori. Hbg Gaming ha vissuto negli anni una crescita sana fino ad arrivare a superare il 5% della quota di mercato producendo 40mln di euro di valore aggiunto. Il nostro principale stakeholders è il dipendente. Il nostro operato è coerente con la mission che ci siamo dati creando un’offerta di gioco responsabile con un impatto positivo nella società sia a livello di offerta occupazionale diretta che indiretta attraverso i gestori a noi legati e tutti i consulenti e fornitori che collaborano con HBG Gaming. Le nostre politiche di assunzioni sono improntate all’assenza di discriminazioni di genere, linea di cui siamo orgogliosi. Abbiamo una squadra giovane con una età media di 37 anni di cui il 90% assunti a tempo indeterminato.

 

hbg calzolaioIl successo di HBG Gaming è stato il gioco di squadra: abbiamo responsabilità nei confronti di tutti gli attori coinvolti, ma prima di tutti nei confronti dei nostri dipendenti. Un dipendente che lavora con soddisfazione porta sicuramente ad alzare il livello dell’offerta e del servizio della sala in cui opera. I dipendenti sono il nostro fattore di competitività principale su cui vogliamo investire. Abbiamo sostenuto numerosi investimenti per alzare il livello della formazione di chi opera con noi erogando anche corsi e puntando alla comunicazione interna ed esterna e all’orientamento al cliente. Vogliamo che i nostri dipendenti siano orgogliosi del lavoro che fanno e dell’azienda per cui lavorano”.

 

“La nostra collaborazione con HBG Gaming – ha dichiarato Florinda Maione della Siipac Onlus – dura da un anno. Il nostro servizio di sostegno attraverso la chat line ‘help desk’ non ha la pretesa di intervenire sulla dipendenza che va curata in altri luoghi, quanto sulla prevenzione che si realizza attraverso l’informazione e il dialogo. Il nostro lavoro non è in contraddizione con una politica economica di una azienda vincente come questa, infatti il giocatore patologico non è un buon cliente  e la tutela dell’individuo quindi deve andare di pari passo con la tutela delle aziende”.

 

hbg2“Come HBG Gaming, anche noi di Telethon – ha dichiarato Elisa Michetti (Fondazione Telethon) – vogliamo mettere al centro del nostro interesse la persona. Hbg Gaming collabora con Telethon dal 2012 e ha contribuito con 35mila euro di donazione; dovremmo essere orgogliosi di una azienda che – come squadra – si prende la responsabilità nel sociale. Questo è un virtuosismo che vogliamo puntualizzare. Molti dei contributi che riceviamo vengono da aziende del gaming, aziende che, voglio ricordare, sono molto responsabili”.

 

“La Collaborazione con HBG Gaming – ha dichiarato Giuseppe Trieste di Fiaba Onlus – nasce in virtù dell’offerta di sale bingo proposta dall’azienda guidata dal dr. Porsia con l’obiettivo di individuare soluzioni migliorative e di accoglienza di questi luoghi. HBG Gaming risponde a pieno ai requisiti di Total Quality. La missione di Fiaba è quella di costruire ambienti e luoghi che tengano in considerazione delle difficoltà dei meno abili eliminando le barriere che spesso si trovano a dover affrontare. Anche se le vere barriere da distruggere sono quelle mentali. Lo scopo del Fiaba Day è quello di fare ogni anno il punto del lavoro svolto e dei nuovi progetti futuri, grazie ai contributi che ci arrivano da azienda come HBG Gaming”.

 

hbg4“Questo appuntamento – ha dichiarato il presidente Antonio Porsia – è un momento di consapevolezza per ricordarci quali sono gli obiettivi che vogliamo portare avanti. Uno dei motivi di amarezza di questo periodo è la mancanza di reale considerazione di quello che aziende come la nostra fanno realmente. Noi siamo nati nel 2000 e abbiamo contribuito a regolare un mercato che prima era totalmente un far west, un settore non codificato che era territorio fertile per organizzazioni illecite. Il mercato degli apparecchi ha portato ad introitare 5 mld di euro l’anno. Soldi che sono stati totalmente sottratti al mercato illegale.

Molte aziende del gaming come HBG Gaming hanno mostrato la propria responsabilità. Educare il giocatore è un dovere aziendale per garantire una crescita sostenibile e sana del nostro settore. Noi non vogliamo giocatori patologici e grazie al gioco legale si può iniziare a monitorare questo fenomeno. Non elimineremo di certo la compulsività demonizzando il settore del gioco.

In Italia troppo spesso si violano in maniera sistematica i patti con le imprese e questo blocca gli investimenti, la fiducia e soprattutto la capacità di sognare, di ottenere quegli obiettivi che si possono raggiungere grazie all’impegno. Noi – ha concluso il presidente – continueremo a crederci e a lottare per far valere i nostri diritti con la certezza che facendo bene il nostro lavoro saremo premiati, questo è il miglior tributo che possiamo dare alla società”.

 

 

PressGiochi

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN