10 Agosto 2020 - 14:14

Haijer (EGBA): “Le restrizioni pubblicitarie della Spagna aumenteranno il gioco illegale a danno delle società calcistiche”

Il Ministero degli Affari dei consumatori spagnolo ha proposto modifiche alle norme pubblicitarie del Paese per il gioco d’azzardo online che porteranno a un divieto quasi completo di pubblicità nel

13 Luglio 2020

Print Friendly, PDF & Email

Il Ministero degli Affari dei consumatori spagnolo ha proposto modifiche alle norme pubblicitarie del Paese per il gioco d’azzardo online che porteranno a un divieto quasi completo di pubblicità nel settore. L’European Gaming and Betting Association (EGBA) ritiene che le proposte, pubblicate ieri, porteranno a un numero maggiore di giocatori d’azzardo online del paese che giocano su siti Web non autorizzati o regolamentati in Spagna e danneggeranno gravemente le squadre di calcio del paese che stanno cercando di riprendersi dalle ricadute finanziarie di COVID-19.

 

 

Secondo le proposte, la pubblicità sarà consentita solo tra l’1: 00-5: 00, senza eccezioni per eventi sportivi, un divieto totale di sponsorizzazioni di maglie sportive, kit e stadi sportivi e un divieto di bonus di benvenuto. Le lotterie statali del paese, che rappresentano il 65% delle entrate del mercato del gioco d’azzardo, saranno escluse dai principali elementi di queste restrizioni. Le proposte dovrebbero essere messe a punto dal governo nell’autunno di quest’anno, con un periodo di attuazione di 3 mesi previsto per le compagnie di gioco per adattarsi ai cambiamenti delle regole.

 

Il gioco d’azzardo online non regolamentato potrebbe essere ulteriormente favorito

La pubblicità svolge un ruolo essenziale nel guidare i consumatori verso i siti Web di gioco d’azzardo consentiti in Spagna e la sua assenza renderà i cittadini più suscettibili al gioco su siti Web di gioco d’azzardo che non sono né autorizzati, regolamentati, tassati o applicano le misure di protezione del consumatore richieste per le società di gioco online che sono autorizzate in Spagna. Il gioco d’azzardo non regolamentato in Spagna è già un problema: 414 siti Web di gioco d’azzardo non regolamentati sono stati bloccati dall’autorità di gioco d’azzardo nel solo anno di aprile-maggio di quest’anno, più del doppio dell’intero numero di siti Web non regolamentati (196) bloccati dall’autorità nel 2019.

 

 

Incidenza finanziaria negativa sulle squadre di calcio

Le proposte avranno anche un impatto negativo su 41 dei 42 club di calcio della Liga, che attualmente si stanno riprendendo dalle ricadute finanziarie di COVID-19, costando fino a 80 milioni di euro in entrate pubblicitarie perse. Le scommesse sportive sono responsabili del 56% delle entrate del mercato del gioco d’azzardo online in Spagna e il disaccoppiamento della pubblicità del gioco d’azzardo dallo sport ridurrà queste entrate e le tasse pagate su di esse. Un altro effetto collaterale delle proposte è che potrebbero costringere alcune società di gioco d’azzardo autorizzate a tagliare i diritti significativi che pagano a La Liga per lo streaming live di calcio in diretta sui loro siti web.

 

Maarten Haijer, Segretario Generale, EGBA: “La pubblicità ha un ruolo cruciale nell’informare i consumatori su quali siti Web sono regolamentati e quali no. Il divieto di pubblicità quasi assoluto proposto in Spagna priverà i giocatori spagnoli di qualsiasi informazione in cui possano giocare in un ambiente sicuro e protetto. Ciò è altamente controproducente e raccomandiamo alle autorità spagnole di riconsiderare le proposte e di concentrarsi invece su una rigorosa regolamentazione dei contenuti della pubblicità. Siamo pienamente d’accordo che la pubblicità dovrebbe essere responsabile, sia in termini di contenuto che di design, ed è per questo che abbiamo recentemente pubblicato un codice di condotta sulla pubblicità responsabile. Il codice offre modi pratici in cui la pubblicità del gioco d’azzardo può essere condotta in modo socialmente responsabile e come mezzo per informare i cittadini su importanti misure di protezione dei consumatori, come limiti di età e strumenti di gioco più sicuri. Infine, esentare le lotterie statali, che rappresentano i due terzi del mercato del gioco d’azzardo spagnolo, dalle restrizioni è ingiustificato, protezionistico e discriminatorio “.

 

 

Pressgiochi