24 Novembre 2020 - 11:05

Haijer (EGBA): “La Commissione Europea deve indagare sulla conformità delle leggi ungheresi sul gioco”

Maarten Haijer, segretario generale dell’EGBA (European Gaming and Betting Association),  ha più volte “denunciato” le autorità ungheresi e alla Commissione Europea finora senza alcun risultato. Secondo la nota associazione internazionale,

30 Marzo 2017

Print Friendly, PDF & Email

Maarten Haijer, segretario generale dell’EGBA (European Gaming and Betting Association),  ha più volte “denunciato” le autorità ungheresi e alla Commissione Europea finora senza alcun risultato. Secondo la nota associazione internazionale, ci sarebbero alcune pratiche e leggi ungheresi e di alcuni altri stati che violerebbero il diritto dell’unione in materia di giochi, ma “la Commissione europea continua a ritenere che il regolamento del gioco d’azzardo è conforme ai requisiti UE”.

 

“Il processo di concessione delle licenze di gioco d’azzardo on-line è tutt’altro che trasparente e coerente – ha commentato Haijer- il governo ungherese per un breve periodo tempo ha concesso ai fornitori stranieri di acquisire diritti di concessione dei giochi online, poi ha cambiato idea. A nostro avviso, è stato violato il diritto comunitario in materia di libera prestazione dei servizi ai cittadini stranieri”.

 

L’EGBA inoltre critica anche il fatto che il governo ungherese ha “dimenticato” di notificare alla Commissione Europea alcune proposte legislative che devono essere presentate a Bruxelles ai sensi del diritto dell’Unione Europea. Per questa “mancanza” la Commissione Europea per due volte ha “avvertito” il governo di Budapest. Tra poche settimane verrà deciso se la Commissione accetterà la denuncia dell’EGBA e deciderà di avviare un’indagine approfondita.

 

Giochi online. EGBA presenta alla Gambling Commission i propri suggerimenti per l’applicazione della Direttiva Antiriciclaggio

 

 

PressGiochi