17 agosto 2019
ore 13:19
Home Associazioni Haijer (EGBA): “Il mondo delle scommesse è diviso dalle regolamentazioni nazionali. E’ tempo che l’Europa riunisca i Paesi”

Haijer (EGBA): “Il mondo delle scommesse è diviso dalle regolamentazioni nazionali. E’ tempo che l’Europa riunisca i Paesi”

SHARE
Haijer (EGBA): “Il mondo delle scommesse è diviso dalle regolamentazioni nazionali. E’ tempo che l’Europa riunisca i Paesi”

“Ogni giorno l’innovazione tecnologica ci pone delle sfide su dove i diritti dei consumatori, gli interessi delle imprese online e la buona regolamentazione possano incontrarsi. Riconosco queste sfide. La rivoluzione di Internet ha spostato il mio settore – quello delle scommesse – dai tradizionali bookmaker dei centri scommesse ai computer di milioni di clienti, da un giorno all’altro. Oggi più di 12 milioni di europei scommettono regolarmente online, realizzando quasi 1 milione di transazioni finanziarie da e verso operatori legali ogni giorno. Noi siamo, alcuni direbbero, “un grande settore”. E con il 20 percento delle scommesse europee ora online, conosciamo fin troppo bene le sfide per conciliare il rapido cambiamento tecnologico con la protezione dei consumatori e una regolamentazione efficace”.

 

E’ quanto ha affermato Maarten Haijer, Secretary general, European Gaming and Betting Association (EGBA) appellandosi alla nuova Commissione europea da poco insediatasi.

 

“Mentre alcune normative UE, come il GDPR e la direttiva antiriciclaggio, forniscono alcune regole, il settore delle scommesse – afferma Haijer – è prevalentemente regolato dalle politiche nazionali. Ogni stato dell’UE ha una propria serie di regole e requisiti. Gli stati lavorano in modo isolato l’uno dall’altro e indipendentemente dalla natura transfrontaliera di Internet. La conseguenza è che 28 serie di regolamenti molto diversi e 28 diverse serie di esperienze del cliente.

In un’epoca in cui le persone possono facilmente posizionarsi su siti Web con sede in altri paesi, la mancanza di coerenza delle politiche è problematica. Significa che le persone possono facilmente essere esposte a siti Web che non proteggono pienamente i loro diritti o interessi.

 

La Commissione europea ha riconosciuto questo problema nel 2014 e ha delineato un elenco di salvaguardie che i Paesi dovrebbero adottare per garantire agli europei un livello più coerente e più elevato di protezione dei consumatori nelle scommesse online.

Una di queste misure: ogni stato dovrebbe creare un registro nazionale di auto-esclusione per consentire alle persone che sono troppe esposte di escludersi dalla possibilità di accedere ai siti web di scommesse. La Commissione si è impegnata a rivedere l’attuazione entro gennaio 2017, ma recentemente ha riconosciuto di aver archiviato il dossier del gioco d’azzardo e di non voler misurare l’efficacia e l’attuazione delle proprie proposte.

 

 

Non esiste ora – continua il segretario generale – un quadro formale per le autorità di regolamentazione delle scommesse che affrontino congiuntamente le grandi questioni che interessano il settore, molte delle quali sono di natura transfrontaliera e richiedono soluzioni comuni.

Nessuno sa veramente quale sia la situazione attuale. Ecco perché abbiamo chiesto alla City University di Londra di condurre una revisione e scoprire se le proposte della Commissione fossero state pienamente attuate. Abbiamo scoperto che solo la Danimarca lo ha fatto e che milioni di europei stanno sperimentando livelli diversi di protezione dei consumatori quando sono online. La qualità dei servizi dipende da dove vivono.

 

Solo 14 paesi dell’UE hanno adottato un registro nazionale di autoesclusione e solo 13 richiedono “il divieto di gioco ai minori” sugli annunci pubblicitari. Si tratta di semplici misure proposte dalla Commissione, ma che non sono state introdotte nella maggior parte dei paesi europei. Parallelamente a ciò, la Commissione ha sciolto un gruppo di esperti nazionali. Il gruppo, costituito da regolatori nazionali delle scommesse, è stato considerato un grande successo e una preziosa piattaforma per lo scambio di buone pratiche e informazioni tra paesi.

Non esiste ora un quadro formale per le autorità di regolamentazione delle scommesse che affrontino congiuntamente le grandi questioni che interessano il settore, molte delle quali sono di natura transfrontaliera e richiedono soluzioni comuni. Non siamo soli; molti altri settori online affrontano frustrazioni simili. Ecco perché sono lieto di vedere i leader dell’UE riaffermare di recente il loro sostegno alla digitalizzazione dell’economia europea e sollecitare la Commissione a portare ulteriormente il mercato unico in linea con l’era digitale. Speriamo che la Commissione in arrivo ci ascolti.

Nel settore delle scommesse online, la cooperazione normativa formale è un primo passo necessario, seguito dalla standardizzazione e da regole più comuni. I consumatori, i regolatori e le aziende beneficeranno tutti di una serie di regole chiare e coerenti, piuttosto che dell’attuale patchwork delle normative nazionali.

Nelle scommesse online – ha concluso Haijer – è necessario garantire che i clienti possano scommettere in modo sicuro, equo e responsabile. Ciò significa garantire che le persone che vivono in un paese dell’UE abbiano gli stessi diritti e un livello elevato di protezione dei consumatori rispetto a quelli che vivono in un altro. Creare un mercato unico del gambling permetterà di adottare standard ancora più elevati di quelli applicati ad altri settori online. Ma lasciarlo solo ai paesi dell’UE non ha funzionato, quindi la Commissione europea che sta entrando deve agire”.

 

PressGiochi

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN