17 settembre 2019
ore 15:16
Home Associazioni Haijer (EGBA): “Digitalizzazione cambia il modo di giocare online; la regolamentazione deve tenere il passo”

Haijer (EGBA): “Digitalizzazione cambia il modo di giocare online; la regolamentazione deve tenere il passo”

SHARE
Haijer (EGBA): “Digitalizzazione cambia il modo di giocare online; la regolamentazione deve tenere il passo”

La digitalizzazione sta cambiando il modo in cui i consumatori utilizzano i prodotti e il gioco d’azzardo non è diverso. Con l’accresciuta accessibilità al gioco d’azzardo online – afferma Maarten Haijer, Segretario Generale, European Gaming and Betting Association (EGBA ) – è necessaria una maggiore responsabilità nel proteggere i nostri giocatori e assicurare che giochino in modo sicuro e responsabile.

Ciò richiede due cose: una maggiore responsabilità sociale da parte delle aziende e una regolamentazione del gioco d’azzardo che rifletta il mondo digitale in cui viviamo.

Ma in Europa, la regolamentazione del gioco d’azzardo sta lottando per tenere il passo con gli sviluppi tecnologici – e questo mette il giocatore a rischio. Perché il livello di protezione del giocatore varia a seconda di dove vive il giocatore nell’UE. Il gioco d’azzardo online non ha confini e i giocatori possono facilmente giocare su siti Web con sede in altri stati membri dell’UE, ma questo può esporli a protezioni ineguali e inadeguate.

Ciò è confermato da un recente studio della City University di Londra, che ha rilevato che solo pochi Stati membri offrono ai giocatori un livello di protezione sufficientemente elevato. Lo studio, utilizzando come riferimento la raccomandazione 2014/478 / UE della Commissione europea sulla protezione dei consumatori nel gioco d’azzardo online, ha esaminato se gli Stati membri avessero implementato determinati principi chiave per la tutela dei consumatori, ad es. misure di esclusione.

Ma lo studio ha rilevato che solo uno stato membro, la Danimarca, ha attuato pienamente le linee guida e che esistono grandi lacune nel modo in cui gli stati membri proteggono i loro giocatori. Conclude che non è stato raggiunto un livello elevato e coerente di protezione dei consumatori per i giocatori d’azzardo online in Europa.

Principali risultati dello studio:

3 paesi (Irlanda, Paesi Bassi, Slovenia) non hanno attualmente regole per il gioco d’azzardo online – non esiste alcuna base legale per garantire la protezione dei giocatori in questi paesi.
Tutti i paesi impongono un requisito minimo di età per il gioco d’azzardo, con 22 paesi che stabiliscono un limite di età uniforme di 18 anni per tutti i tipi di gioco d’azzardo online.
Solo 13 paesi richiedono la visualizzazione di un divieto di “non gioco d’azzardo minorile” su o durante le pubblicità commerciali.
23 paesi obbligano gli operatori a offrire strutture di auto-esclusione per i giocatori online.
Solo 14 paesi hanno istituito registri nazionali di auto-esclusione.
Nessun paese avvia l’invio automatico all’organizzazione del gruppo sanitario o ai centri di trattamento in caso di auto-esclusione del giocatore.

Mentre la maggior parte dei giocatori amano giocare d’azzardo in modo sicuro e responsabile, circa l’1 per cento mostra comportamenti di gioco problematici – e c’è ancora molto da fare per proteggerli tutti.

Le reti di sicurezza di base, come i registri di auto-esclusione, dovrebbero essere adottate da tutti gli stati membri al fine di garantire un livello minimo di protezione per coloro che hanno o sono a rischio comportamenti problematici di gioco.

Nel 2019, non vi è alcun motivo per cui i giocatori d’azzardo online che vivono in uno stato membro dovrebbero essere meno protetti di quelli di un altro. Dovrebbero, infatti, essere meglio protetti dalle regole dell’UE di chi compra un libro o un biglietto aereo online, ma non è questo il caso.

Questo è il motivo per cui l’EGBA chiede un approccio politico più forte al settore per garantire un livello elevato e coerente di protezione per i 12 milioni di europei che giocano regolarmente con le nostre aziende associate. E gli orientamenti della Commissione per il 2014 sono una buona base per raggiungere questo obiettivo.

Una regolamentazione più comune andrà a beneficio anche del modo in cui opera il nostro settore. Perché soddisfare 28 diverse serie di regole di protezione dei consumatori significa anche inutili duplicazioni e costi di amministrazione e conformità più elevati per le società di gioco d’azzardo che operano in più Stati membri”.

 

Leggi l’approfondimento allo studio della City University di Londra pubblicato su Press Giochi Magazine

 

PressGiochi

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN