22 Settembre 2020 - 19:00

Grecia. Il Governo introduce limiti per il gioco d’azzardo online

Il Governo greco ha introdotto nuove e rigide restrizioni per i giochi online, limitando i giochi con generatore di numeri casuali (RNG) a puntate massime di €2, premi massimi di €5.000 e un limite minimo di tre secondi.

13 Agosto 2020

Print Friendly, PDF & Email

Il Governo greco ha introdotto nuove e rigide restrizioni per i giochi online, limitando i giochi con generatore di numeri casuali (RNG) a puntate massime di €2, premi massimi di €5.000 e un limite minimo di tre secondi. Le slot non possono essere pubblicizzate da nessuna parte al di fuori del sito web di un operatore. La legislazione, parte della riforma della Grecia delle leggi sul gioco d’azzardo, è stata pubblicata nella gazzetta ufficiale del legislatore. Diversi progetti di legge precedenti avevano richiesto un divieto completo delle slot online, ma il parlamento si è ritirato da un divieto assoluto dopo che gli operatori avevano avvertito che l’avrebbero contestato. Il progetto definitivo del regolamento è stato presentato alla Commissione europea a gennaio.

La nuova legislazione secondaria stabilisce che, ad eccezione del poker online, i giocatori non devono essere in grado di iniziare un nuovo ciclo di gioco entro tre secondi da un ciclo precedente. I giocatori online dovranno anche impostare perdite e limiti di tempo per il gioco e gli operatori devono avvisare i giocatori quando raggiungono l’80% del loro limite. I giocatori che scelgono di utilizzare il sistema di autoesclusione potranno scegliere per quanto tempo durerà l’autoesclusione. Mentre i giochi RNG potranno offrire solo premi fino a €5.000, tutti i giochi da casinò in generale saranno soggetti a un limite di €70.000. Le scommesse su sport o altri eventi porteranno vincite massime di €500.000 per scommessa. Gli affiliati dovranno firmare “accordi di cooperazione” con i licenziatari che dovranno poi essere notificati alla Hellenic Gaming Commission (EEEP). Questi devono coprire il modo in cui vengono calcolate le commissioni e la tempistica dei pagamenti.

Oltre alle slot, i prodotti di gioco d’azzardo possono essere pubblicizzati sui social media, ma solo se gli operatori possono limitare la pubblicità in modo che sia vista solo dagli ultra 21enni. Le comunicazioni non devono utilizzare caratteri che compaiono accanto a contenuti rivolti a minorenni. È inoltre vietato alla pubblicità tentare di mostrare un ‘”immagine positiva” del gioco d’azzardo dimostrando che le entrate vanno a buone cause. Tutti gli annunci devono menzionare l’EEEP e il limite di età legale per il gioco d’azzardo. Le tariffe per le licenze di sette anni sono state fissate a 3 milioni di euro per le scommesse online e 2 milioni di euro per altre forme di gioco. La pubblicazione delle nuove restrizioni arriva mentre la Spagna cerca anche di introdurre restrizioni su tutta la pubblicità sul gioco d’azzardo e nel Regno Unito crescono le richieste di una revisione della legislazione sul gioco d’azzardo.

 

 

PressGiochi