21 settembre 2019
ore 01:16
Home In evidenza Gratta&Vinci per aiutare la Chiesa. Beccalossi (Lombardia): “Così si mortifica il lavoro della Regione”

Gratta&Vinci per aiutare la Chiesa. Beccalossi (Lombardia): “Così si mortifica il lavoro della Regione”

SHARE
Gratta&Vinci per aiutare la Chiesa. Beccalossi (Lombardia): “Così si mortifica il lavoro della Regione”

“Ci sono preti che, come don Antonio Mazzi, definiscono il gioco d’azzardo la ‘droga del terzo millennio’ e altri che, in nome del ‘dio denaro’, accettano dai fedeli donazioni di Gratta e vinci al posto delle classiche offerte”. Lo dice Viviana Beccalossi, assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo di Regione Lombardia e team leader della Giunta Maroni in tema di contrasto al gioco d’azzardo patologico, commentando l’iniziativa ‘Gratta e vinciAmo’, riportata da diversi mezzi di comunicazione e organizzata a Cigole, nel Bresciano, dalla parrocchia San Martino, dove i Gratta e vinci verranno donati dai fedeli durante le Sante Messe di sabato 17 e di domenica 18 ottobre, con l’obiettivo di finanziare interventi e attività parrocchiali.

“Ognuno – aggiunge Viviana Beccalossi – agisce come meglio crede. Non posso però nascondere la mia delusione nell’apprendere che proprio in una chiesa, ovvero in uno dei luoghi ritenuti sensibili dalla legge regionale sulla ludopatia, e vicino ai quali è assolutamente vietato installare nuove slot machine, si decida di realizzare un’iniziativa mirata a reperire risorse economiche proprio attraverso il gioco d’azzardo. Così viene mortificato il lavoro e l’impegno di Regione Lombardia verso una piaga sociale che, purtroppo, è sempre più di triste attualità”.

 

PressGiochi

 

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN