16 Settembre 2021 - 14:02

Governo a lavoro su estensione del green pass anche ai lavoratori privati

Il Green pass sarà obbligatorio per tutti i lavoratori, pubblici e privati. E’ quanto prevede il decreto del governo, in fase di rifinitura, che giovedì sarà all’esame della cabina di

15 Settembre 2021

Print Friendly, PDF & Email

Il Green pass sarà obbligatorio per tutti i lavoratori, pubblici e privati. E’ quanto prevede il decreto del governo, in fase di rifinitura, che giovedì sarà all’esame della cabina di regia e poi approderà in Cdm. Entrerà in vigore tra il 10 e il 15 ottobre.

Secondo fonti di governo, è molto probabile l’inserimento nel decreto dell’obbligo anche per i privati che lavorano in quei settori in cui il cliente ha il dovere di esibire il certificato verde. Ristorazione, bar, trasporti di lunga percorrenza, cinema e teatri, e quindi anche sale giochi, scommesse e bingo tanto per fare qualche esempio.

Palazzo Chigi aspetta una proposta dal ministero del Lavoro, che da settimane tratta con Confindustria e sindacati. Se tutti i nodi saranno sciolti entro giovedì, si farà un provvedimento unico che tenga insieme lavoro pubblico e lavoro privato. Un super green pass, che porterebbe l’Italia a un passo dall’obbligo vaccinale. Altrimenti Draghi procederà per step, prima il pubblico e poi il privato.

Intanto, le Regioni chiedono che le attività economiche possano rimanere aperte per chi ha il green pass anche nel caso di passaggio in zona gialla o arancione

Lo ha detto chiaramente il presidente Massimiliano Fedriga: «I cittadini e le imprese hanno bisogno di certezze e le Regioni si stanno confrontando con il governo per ottenere la garanzia che le attività economiche possano rimanere aperte, per coloro che hanno il Green pass, anche nel caso di passaggio in zona gialla o arancione. L’auspicio è che, oltre alle istituzioni, anche tutte le attività economiche, tra cui le cooperative, spronino i propri lavoratori a immunizzarsi attraverso un’azione di sensibilizzazione, informazione e contrasto delle fake news evitando contrapposizioni ideologiche e favorendo la coesione sociale».

Pressgiochi