27 Settembre 2020 - 11:51

Gioco online. Vinciguerra (Eurodap): “Necessarie leggi più stringenti e attenzione ai minori”

“Oggi veniamo sottoposti ad un bombardamento di stimoli che snaturalizzano il gioco e il comportamento che lo accompagna. Tutto il sistema è costruito per tirarti dentro, con il rischio di

31 Marzo 2015

Print Friendly, PDF & Email

“Oggi veniamo sottoposti ad un bombardamento di stimoli che snaturalizzano il gioco e il comportamento che lo accompagna. Tutto il sistema è costruito per tirarti dentro, con il rischio di far entrare la persona coinvolta nella dimensione del patologico”. Così Paola Vinciguerra, presidente dell’Eurodap (Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico) commenta la ‘guerriglia social’ organizzata per oggi dal Movimento No Slot per dire no al gioco d’azzardo online, alla quale ha dato il suo sostegno anche Massimiliano Dona dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Penso che leggi più stringenti siano assolutamente necessarie, per contenere questo fenomeno che sta letteralmente invadendo le nostre vite, ma chiaramente bisogna anche lavorare sull’atteggiamento culturale, intervenendo sulle scuole già dalla prima media ma anche e soprattutto sulle famiglie, non solo sui ragazzi. Mi è capitato di vedere famiglie che fanno grattare il ‘Gratta e Vinci’ ai figli piccoli, anche di soli tre anni, trasmettendogli pathos e attesa senza che il bambino sappia cosa sta realmente facendo ma già in grado di registrare perfettamente lo stato eccitatorio che viene trasmesso dai genitori e quello di delusione davanti alla perdita che viene ricompensato con l’acquisto di un altro biglietto”.

“Questo tipo di cultura e la pubblicità di questi giochi – continua Vinciguerra – stanno purtroppo trasmettendo l’idea del gioco come opportunità lecita. Il gioco non è invece un’opportunità ma un’illusione che è un concetto molto diverso. Quello che non deve passare è appunto l’immagine pubblicitaria che il gioco sia un’opportunità che possa cambiarti la vita, farti uscire dall’impasse. Questa è una cosa molto pericolosa ed è l’aspetto sul quale è necessario battersi”.

PressGiochi