26 Settembre 2020 - 17:27

Gioco online. Bieńkowska (Ce): “Sull’attuazione della Raccomandazione Ue in Italia stiamo ancora raccogliendo informazioni”

Il Commissario al Mercato Interno della Commissione europea, Elżbieta Bieńkowska, ha risposto in questi giorni all’interrogazione del leghista Angelo Ciocca del Gruppo ENF in merito all’attuazione della Raccomandazione del Parlamento

13 Gennaio 2017

Print Friendly, PDF & Email

Il Commissario al Mercato Interno della Commissione europea, Elżbieta Bieńkowska, ha risposto in questi giorni all’interrogazione del leghista Angelo Ciocca del Gruppo ENF in merito all’attuazione della Raccomandazione del Parlamento europeo sul gioco d’azzardo online in Italia.

“La raccomandazione 2014/478/UE sui principi per la tutela dei consumatori e degli utenti dei servizi di gioco d’azzardo online e per la prevenzione dell’accesso dei minori ai giochi d’azzardo online- ha spiegato Bieńkowska a Ciocca –  invita gli Stati membri a notificare le misure adottate ai sensi della raccomandazione e a comunicare dati sulle misure di protezione applicabili e sulle comunicazioni commerciali. La raccomandazione prevede inoltre che la Commissione ne valuti l’attuazione entro il 2017. La Commissione sta attualmente raccogliendo e analizzando le informazioni in tale contesto. Poiché tale processo non è stato ancora completato non si dispone per il momento di risultati da rendicontare”.

 

La fornitura di servizi di gioco d’azzardo non è soggetta ad una legislazione europea esclusiva, ma è principalmente regolata dagli Stati membri, i quali dovrebbero fissare gli obiettivi della loro politica sul gioco d’azzardo e definire il livello di protezione perseguito ai fini della tutela della salute dei consumatori.

La Commissione europea ha adottato nel 2014 una raccomandazione volta a migliorare la protezione dei consumatori e ad evitare che i minori giochino online.

La raccomandazione invitava gli Stati membri a:

 

—implementare le procedure per verificare i conti dei giocatori e chiudere il conto quando un giocatore risulta essere un minore;

 

 

—incoraggiare la visualizzazione di link a programmi di controllo parentale sui siti web di gioco d’azzardo;

 

 

—incoraggiare che le comunicazioni commerciali non vengono trasmesse, visualizzate o facilitate:

a) su media o programmi guardati dai minori;

b)su siti web indirizzati a minori;

c)in prossimità di luoghi in cui minori normalmente trascorrono il tempo.

 

PressGiochi

 

Pe. Ciocca (Ln): ‘La Ce ha verificato se l’Italia ha recepito la raccomandazione contro il GAP?”