06 Ottobre 2022 - 18:52

Gioco d’azzardo patologico: Regione Toscana e Confcommercio Toscana firmano accordo

Regolare il gioco legale, prevenire e contrastare il gioco d’azzardo patologico: sono i principali obiettivi dell’accordo di collaborazione firmato da Regione Toscana e Confcommercio Toscana. L’intesa, si spiega, prevede la

08 Agosto 2022

Print Friendly, PDF & Email

Regolare il gioco legale, prevenire e contrastare il gioco d’azzardo patologico: sono i principali obiettivi dell’accordo di collaborazione firmato da Regione Toscana e Confcommercio Toscana.

L’intesa, si spiega, prevede la promozione della formazione obbligatoria per i gestori e il personale dei centri scommesse e spazi per il gioco; il monitoraggio del fenomeno del gioco illegale. E ancora la collaborazione con Asl, Rete ascolto regionale, Servizi delle dipendenze ed enti locali.

Per quanto riguarda le attività di prevenzione del disturbo da gioco d’azzardo, sono previste la tutela delle categorie a rischio, l’informazione e la comunicazione sui rischi del gioco d’azzardo patologico.

Il presidente della Regione Eugenio Giani ha ricordato che da tempo, la Toscana è impegnata in azioni di contrasto a ogni tipo di dipendenza e quella del gioco d’azzardo sta diventando sempre più preoccupante coinvolgendo un numero crescente di persone di tutte le età. “Questo protocollo è motivato dal fatto che Confcommercio ha un’alta rappresentatività di coloro che gestiscono queste sale. Così si può sviluppare un’azione attraverso la formazione, la deterrenza, il controllo, la capacità di individuare quei soggetti che rovinano la famiglia e se stessi. Così possiamo combattere questi fenomeni” ha detto.

L’assessore regionale al diritto alla salute ha poi ricordato la recente approvazione da parte della giunta, della delibera relativa agli indirizzi per la realizzazione dei percorsi formativi obbligatori per i gestori di centri scommesse e di spazi per il gioco con vincita in denaro, nonché per il personale ivi operante.

Il presidente di Confcommercio Toscana, Aldo Cursano, ha detto che “consapevolezza, monitoraggio e legalità sono le tre linee guida, che hanno ispirato l’intesa siglata con la Regione Toscana. Un’intesa che fa leva sulla formazione per preparare gli addetti del settore a riconoscere e gestire eventuali comportamenti di gioco patologici tra i loro clienti. C’è la condivisione della responsabilità rispetto a fenomeni sociali che toccano tutti e noi che lavoriamo col pubblico avvertiamo questo dovere, questa necessità di creare sinergia per circoscrivere il problema della ludopatia e soprattutto che il diritto al divertimento rientri all’interno di parametri di gestione professionale”.

”.

PressGiochi