13 Maggio 2021 - 14:06

Gioco d’azzardo online: situazioni normative opposte tra Stati Uniti ed Europa

Attraverso una serie di tendenze politiche accelerate dalla pandemia, i mercati statunitensi ed europei si stanno dirigendo in direzioni opposte per quanto riguarda la pubblicità, la sponsorizzazione e il clima normativo per le scommesse sportive e i giochi online…

04 Maggio 2021

Print Friendly, PDF & Email

Attraverso una serie di tendenze politiche accelerate dalla pandemia, i mercati statunitensi ed europei si stanno dirigendo in direzioni opposte per quanto riguarda la pubblicità, la sponsorizzazione e il clima normativo per le scommesse sportive e i giochi online. Dopo la storica fine del divieto federale sulle scommesse sportive, gli Stati Uniti continuano a godere di un boom di aperture di mercato che portano nuove opportunità commerciali per le società di gioco d’azzardo, sportive e dei media. Al contrario, l’industria europea è alle prese con una serie di regole più rigide, un’applicazione più aggressiva nei mercati più grandi e una tendenza delle nuove giurisdizioni di licenza che adottano immediatamente politiche che hanno maggiori probabilità di soffocare piuttosto che incoraggiare la crescita. In una serie di articoli nelle prossime due settimane, VIXIO GamblingCompliance esplorerà le divergenti tendenze normative in tre aree specifiche, considererà come l’ambiente politico europeo si è inasprito ed esplorerà la direzione degli Stati Uniti verso un destino simile.

Solo pochi anni fa, gli annunci di scommesse erano onnipresenti nella programmazione sportiva e nei cartelloni pubblicitari a bordo campo in tutta Europa. Da allora Italia e Spagna hanno emanato divieti quasi completi sulla pubblicità del gioco d’azzardo, mentre altri paesi, tra cui Regno Unito, Germania, Belgio e Portogallo, hanno imposto o stanno contemplando pesanti restrizioni. Gli Stati Uniti hanno già subito una repressione normativa sulla scia di un importante blitz pubblicitario, che prende di mira i fantasy sport non regolamentati. Eppure è inevitabilmente ovvio che la pubblicità in TV, radio e sui social media sulle scommesse sportive online sia rapidamente passata da 0 a 60 mph in mercati chiave come il New Jersey settentrionale, Filadelfia, Detroit, Denver, Chicago e la Virginia del Nord.

La situazione presenta un delicato equilibrio – scrive VIXIO GamblingCompliance – non solo per gli operatori che cercano disperatamente di affermare il marchio e acquisire clienti, ma anche per le squadre sportive e le società dei media affamate di nuove fonti di entrate sulla scia della pandemia. Sebbene l’autoregolamentazione del settore sia un buon inizio, Sara Slane, fondatrice della società di consulenza Slane Advisory, durante un webinar presentato da Conscious Gaming, ha sottolineato la delicatezza della situazione: “Gli operatori e i campionati conoscono i rischi associati alle scommesse sportive e alla pubblicità e penso che stiano cercando di fare tutto in buona fede. E se non lo fanno, penso che ci sarà un contraccolpo negativo, purtroppo.”

L’inasprimento delle normative europee non si è fermato affatto alle restrizioni pubblicitarie. Ad esempio, in Germania e Svezia sono stati introdotti limiti di deposito mensili obbligatori per il gioco d’azzardo online, mentre l’industria britannica si trova ad affrontare nuovi requisiti di accessibilità economica, restrizioni sui giochi da casinò online e maggiori aspettative sui sistemi VIP. Nessuna di tali restrizioni politiche è ancora in discussione negli Stati Uniti, ma recenti articoli di giornali locali in Pennsylvania, Illinois e altri stati hanno sollevato preoccupazione per l’aumento delle chiamate ai numeri di emergenza per il gioco d’azzardo problematico dal lancio delle scommesse sportive online o dei giochi su Internet.

Molti sostenitori e personalità del settore sono rimasti sbalorditi dalla recente decisione delle autorità di regolamentazione del Tennessee che consente agli scommettitori sportivi online di finanziare conti in contanti presso le filiali di una società finanziaria che offre prestiti a breve termine ad alto interesse. Nel New Jersey, il principale regolatore statale del gioco d’azzardo ha emesso un severo avvertimento agli operatori a gennaio dopo aver ricevuto lamentele secondo cui ai giocatori venivano offerti bonus di ritenzione per annullare i prelievi in ​​sospeso dai loro conti. Un editoriale di Press of Atlantic City l’ha etichettata come una “pratica spregevole” e ha invitato le autorità di regolamentazione a punire qualsiasi società ritenuta irresponsabile “con multe sostanziali”. Probabilmente con un occhio al clima difficile in Europa, gli operatori, i regolatori e le associazioni statunitensi stanno ponendo maggiore enfasi sul gioco d’azzardo responsabile, anche attraverso codici di autoregolamentazione del settore e l’implementazione di nuove soluzioni tecnologiche per assistere i giocatori esclusi.

Nel complesso, l’intenzione dei dirigenti e delle autorità di regolamentazione statunitensi è quello di continuare a spingere gli standard più in alto ed esplorare concetti come il monitoraggio algoritmico del gioco. Secondo Andrew Zarnett, capo dell’investment banking di gioco per Jefferies “è importante continuare ad essere un passo avanti in termini di protezione di coloro che necessitano di maggiore tutela, così da essere sicuri che il settore possa essere responsabile della piattaforma normativa, piuttosto che essere il governo a fissare regolamenti, come è avvenuto nel Regno Unito”,

Al di là della pubblicità e del gioco d’azzardo responsabile, forse da nessuna parte i diversi climi politici dell’Europa e degli Stati Uniti sono più sorprendenti del rapporto tra l’industria del gioco e lo sport. Le squadre e le leghe sono sotto forte pressione nel Regno Unito, in Spagna e in altri mercati europei per porre fine agli accordi di sponsorizzazione con le società di gioco d’azzardo.

La sensibilità dei media nei confronti dei team che promuovono le scommesse sui loro giochi tramite piattaforme social ha recentemente portato a nuove restrizioni di autoregolamentazione nel Regno Unito. A gennaio, la Washington Football Team della NFL è diventata la prima grande franchigia sportiva degli Stati Uniti ad essere autorizzata per le scommesse sportive insieme al partner FanDuel. Schemi di licenza simili sono stati proposti anche in Arizona e Texas. Con l’Europa almeno diversi anni più avanti in termini di regolamentazione del gioco d’azzardo online, è troppo per dire se gli Stati Uniti prenderanno la stessa direzione.

 

 

 

PressGiochi