13 novembre 2019
ore 01:50
Home Associazioni Gioco d’azzardo, Nevola (La Sentinella): a Bolzano regna il caos grazie alla Provincia

Gioco d’azzardo, Nevola (La Sentinella): a Bolzano regna il caos grazie alla Provincia

SHARE
Gioco d’azzardo, Nevola (La Sentinella): a Bolzano regna il caos grazie alla Provincia

Alba (CN). Sabato 4 febbraio incontro sul GAP. Prandi (Psichiatra): “I problemi nascono quando l’aspetto ludico diventa secondario”

Giochi online. Nella black list dei Monopoli salgono a 6.254 i siti inibiti

Il presidente dell’associazione “La Sentinella”. Luigi Nevola attacca ancora la Provincia di Bolzano che, secondo il suo parere, attraverso normative proibizioniste tende a spingere verso l’illegalità ed in particolare l’assessore Stocker.

“Come annunciato qualche mese fa durante la nostra ultima conferenza stampa, nella quale spiegavamo dando lettura delle statistiche ASTAT, come esista un nesso diretto tra politiche restrittive-proibizioniste
e aumento della criminalità ed illegalità in Alto Adige- ha commentato- la politica fallimentare dell’Assessore Stocker che va a criminalizzare il settore legale, non solo non ha vietato i diabolici Totem, in parte eliminati grazie al lavoro delle Forze dell’Ordine, ma ha permesso che ritornassero le slot machine negli esercizi pubblici. La presenza delle slot machine nei bar di Bolzano viola la legge, soprattutto quella provinciale e le regolamentazioni comunali in un momento di caos normativo generale e disastroso”.
“Tutto questo- ha proseguito il presidente della Sentinella- perché la Provincia non è in grado di fronteggiare e governare un fenomeno che per natura non può essere vietato, ma che va regolamentato con ragionevolezza e un minino di competenza e
visione. L’Avvocato Geronimo Cardia con la teoria legale “dell’effetto espulsivo” del gioco legale ha provato, e il TAR gli ha dato ragione, che non è possibile vietare il gioco lecito su un intero territorio.
Principio giusto anche sul piano politico. Proprio il TAR ha pertanto annullato una parte della normativa provinciale, la Provincia che non ha reagito provvedendo a promuovere una proposta normativa più
ragionevole e corretta ha di conseguenza lasciato un vuoto normativo che sfocia ora nel caos generale”.
“Ad oggi- ha continuato- solo la GdF è intervenuta andando a sequestrare alcuni totem nella nostra città, ma ormai tra questi dispositivi irregolari e il ritorno delle slot machine nei bar dei quartieri più popolari, possiamo affermare che Bolzano abbia raggiunto un secondo primato: la città con più dispositivi di gioco illecito, città più proibizionista d’Italia e ora anche maggiormente caotica sul piano normativo.
Oggi ricordiamo che più irregolarità significa più criminalità organizzata e che purtroppo la responsabilità di tutto questo è della scarsa lungimiranza della Provincia autonoma e dei suoi vertici politici.
Chiediamo alla Provincia una legge seria, legittima e che tuteli tutte le parti coinvolte”.
“Come Centro LaSentinella- conclude Nevola- continueremo a monitorare la città per denunciare senza censura questo fenomeno, cogliamo l’occasione per fare i complimenti all’Ass. Stocker per la gestione della situazione ‘gioco’ nel capoluogo!”.

PressGiochi

 

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN