30 Novembre 2022 - 07:17

Gioco d’azzardo e protezione dei minori. Per la Gambling Commission britannica bisogna fare di più

La UK Gambling Commission ha pubblicato il “Rapporto sui giovani e sul gioco d’azzardo”, dopo una pausa di due anni a causa dell’impatto della pandemia di COVID-19. Dal 2011, la

14 Novembre 2022

Print Friendly, PDF & Email

La UK Gambling Commission ha pubblicato il “Rapporto sui giovani e sul gioco d’azzardo”, dopo una pausa di due anni a causa dell’impatto della pandemia di COVID-19. Dal 2011, la Commissione ha esaminato il coinvolgimento dei ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 16 anni nel gioco d’azzardo come valutazione chiave delle salvaguardie del mercato per proteggere i minori dall’essere danneggiati o sfruttati nel gioco.

Il mese scorso, il team di ricerca dell’UKGC ha informato gli stakeholders delle modifiche alla progettazione del sondaggio per fornire un focus più approfondito sulle influenze specifiche dei giovani che sono a rischio o soffrono di problemi di gioco. Lo studio ha raccolto dati da un campione di 2.559 ragazzi di età compresa tra 11 e 16 anni che frequentavano accademie e scuole in Inghilterra, Scozia e Galles.

La statistica principale del rapporto ha rivelato che “il 31% dei ragazzi di età compresa tra 11 e 16 anni aveva speso i propri soldi per attività di gioco negli ultimi 12 mesi”.

Si osserva che tre persone su dieci tra gli 11 e i 16 anni hanno speso i propri soldi per il gioco d’azzardo negli ultimi 12 mesi, il sondaggio ha rilevato che i giochi arcade registrano un coinvolgimento del 22%. I giochi arcade sono stati seguiti da “una scommessa con gli amici o la famiglia” che ha registrato un coinvolgimento del 15%, poiché nel complesso “il 23% dei giovani stava spendendo i propri soldi in forme regolamentate di gioco”.

Le statistiche principali hanno rivelato un calo significativo nel 2022 del coinvolgimento con i prodotti della lotteria nazionale, che si è registrato all’1% per i gratta e vinci e i giochi a vincita istantanea rispetto al 7% registrato nel 2020. La fascia di età più avanzata tra i 14 e i 16 anni aveva più probabilità di spendere soldi in forme non regolamentate di gioco d’azzardo, principalmente scommesse con amici o familiari (giochi di carte e scommesse).

Applicando il DSM-IV-MR-J Problem Gambling Screen, progettato per riferire sui disturbi mentali del gioco d’azzardo specifici dei giovani, il sondaggio ha identificato lo 0,9% dei ragazzi di età compresa tra 11 e 16 anni come giocatori problematici. Tra tutti i partecipanti, il sondaggio ha classificato il 2,4% come giocatori d’azzardo a rischio e il 27,3% come giocatori non problematici.

Una suddivisione del segmento dei danni del gioco d’azzardo ha dettagliato che i ragazzi avevano maggiori probabilità di essere classificati come giocatori a rischio (3,2%) rispetto alle ragazze (1,8%). Tuttavia, il rapporto 2022 non ha rilevato variazioni di genere nella categoria definita come giocatori problematici.

La ricerca intrapresa ha evidenziato il contesto delle esperienze dei giovani con il gioco, poiché il 60% dei partecipanti ha riportato un’esperienza diretta o indiretta con il gioco negli ultimi 12 mesi. L’indagine continua a evidenziare la tendenza secondo cui i giovani che avevano visto giocare d’azzardo i membri della famiglia avevano maggiori probabilità di spendere i propri soldi per il gioco d’azzardo rispetto a quelli che non avevano visto giocare d’azzardo un membro della famiglia (36% contro 16%).

Una sintesi sugli atteggiamenti nei confronti del gioco ha evidenziato che il 64% dei partecipanti concorda “che il gioco d’azzardo è pericoloso”. Nel frattempo, il 70% dei minori si sentiva bene informato sui rischi del gioco d’azzardo, con il 50% che affermava che un adulto aveva parlato loro personalmente dei rischi del gioco d’azzardo. Per quanto riguarda la pubblicità, due terzi dei partecipanti (66%) hanno riferito che la loro esposizione alla pubblicità o alla promozione del gioco d’azzardo avviene offline, in genere quando si guarda la televisione (57%). Il 78% ha affermato di averlo fatto “perché lo considerano una cosa divertente da fare”, mentre il 36% credeva di “avere buone possibilità di vincere qualcosa”.

Dal suo ultimo rapporto, l’UKGC ha evidenziato un’applicazione più rigorosa dei limiti di età applicati a tutte le forme di gioco, incluso l’aumento dell’età online e la verifica dell’identità, il rafforzamento dei requisiti di interazione con i clienti e il divieto del gioco d’azzardo sulle carte di credito. “Nel sondaggio di quest’anno, mentre i dati principali sui prodotti regolamentati soggetti a limiti di età sono incoraggianti, c’è chiaramente un gruppo che lotta ancora con il gioco d’azzardo”, ha osservato l’autorità di regolamentazione. La GC ha concluso: “Ci impegniamo a comprendere e ad agire in base a questi risultati in modo più dettagliato per aiutare noi e una varietà di altre parti interessate ad apprezzare se e come i giovani stanno giocando su prodotti regolamentati e non, affrontando le sfide e le implicazioni”.

 

Pressgiochi