27 Novembre 2022 - 09:06

Giochi e pubblicità: Malta critica le nuove norme del Belgio, presentata osservazione anche da BAGO

Nessuna luce verde dalla Commissione europea al progetto di legge del Belgio che stabilisce norme dettagliate per la pubblicità del gioco d’azzardo ai sensi dell’articolo 61, paragrafo 2, della legge

09 Agosto 2022

Print Friendly, PDF & Email

Nessuna luce verde dalla Commissione europea al progetto di legge del Belgio che stabilisce norme dettagliate per la pubblicità del gioco d’azzardo ai sensi dell’articolo 61, paragrafo 2, della legge del 7 maggio 1999 relativa al gioco d’azzardo, alle scommesse, agli stabilimenti di gioco d’azzardo e alla protezione dei giocatori.

Almeno per il momento.

Infatti, un parere circostanziato presentato all’ultimo momento da Malta fa rinviare almeno di tre mesi (novembre) l’ok da parte della CE.

Inoltre anche l’associazione belga Belgian Association of Gaming Operators ha inviato una propria nota alla Commissione.

Il progetto contestato da Malta contiene definizioni ed elenca le forme di pubblicità consentite dai titolari di licenze di gioco d’azzardo, oltre ad una serie di principi applicabili a tutte le pubblicità autorizzate dal regio decreto.

La pubblicità del gioco d’azzardo è onnipresente in televisione, radio, social media e per le strade. Tale pubblicità – si legge nel testo – non è priva di pericoli per la salute pubblica e per la società. La pubblicità normalizza il gioco d’azzardo nell’ambito della società. Attraverso la pubblicità, il gioco d’azzardo viene presentato come un comportamento socialmente e culturalmente accettabile e come un’attività di svago legittima. Ciò è dannoso per i gruppi più vulnerabili come i minori, i giovani e le persone con dipendenza dal gioco d’azzardo. In assenza di una norma a livello dell’Unione europea, gli Stati membri sono liberi di stabilire le regole n materia. Al fine di migliorare la tutela dei giocatori, lo scopo del presente decreto è quindi quello di limitare le forme di pubblicità consentite nel settore del gioco d’azzardo e delle scommesse e di imporre regole sul contenuto di tale pubblicità.

 

Forme di pubblicità autorizzata:

I titolari di licenza di cui all’articolo 1 possono pubblicizzare, per sé e per i servizi di gioco d’azzardo che offrono, a condizione che siano destinati esclusivamente a persone che lavorano nel settore del gioco d’azzardo.

La pubblicità incidentale in relazione alla segnalazione di competizioni ed eventi sportivi è autorizzata per i titolari di licenza di cui all’articolo 1.

I titolari di licenza di cui all’articolo 1 possono pubblicizzarsi per mezzo del loro marchio o logo, o entrambi:

1. su abbigliamento sportivo di giocatori o squadre sportive di club professionistici;

2. nel luogo in cui si svolge lo sport professionale.

La pubblicità per il gioco d’azzardo di cui al comma 1, paragrafo 2, si applica a tutti i titolari di licenze pertinenti e non supera il 20 % della superficie totale di tutti gli annunci pubblicitari, nonché la misura di 70 m².

I titolari di licenza di cui all’articolo 1 possono trasmettere messaggi di sponsorizzazione utilizzando il loro marchio o logo, o entrambi per i seguenti eventi:

1. tornei sportivi internazionali ed europei;

2. Tornei sportivi belga.

Qualsiasi distribuzione di un messaggio di sponsorizzazione deve soddisfare le seguenti condizioni:

1. la durata dei messaggi di sponsorizzazione non deve superare i 5 secondi;

2. il numero di messaggi di sponsorizzazione per ora non deve essere superiore a due;

3. il messaggio di sponsorizzazione è trasmesso durante il periodo di quindici minuti precedenti l’inizio e il periodo di quindici minuti dopo la cronaca in diretta delle competizioni sportive, vale a dire, durante il periodo che va dall’inizio effettivo della competizione sportiva in questione in diretta fino alla fine effettiva di tale competizione sportiva.

 

Fatte salve le disposizioni regionali e comunali applicabili, i titolari delle licenze A, B, F1 e F2 possono effettuare campagne pubblicitarie col loro marchio o logo, o entrambi, sulla facciata del loro stabilimento di gioco. Se lo stabilimento di giochi d’azzardo ha più di una facciata, la pubblicità è limitata a una sola facciata. La pubblicità installata può occupare al massimo il 30 % della superficie totale della facciata e non può superare la misura di 20 m².

I titolari di licenze A, B, F1 e F2 possono pubblicizzare per se stessi all’interno del loro stabilimento di gioco d’azzardo e solo per i prodotti di gioco che offrono all’interno di tale stabilimento.

I titolari di licenza di cui all’articolo 1 possono fare pubblicità inserendo un prodotto in programmi televisivi registrati all’estero, a meno che tali programmi non siano specificamente destinati al mercato belga. L’inserimento di prodotti comprende qualsiasi forma di comunicazione commerciale audiovisiva consistente nell’includere o fare riferimento a un prodotto, servizio o marchio, includendolo in un programma o in un contenuto creato dall’utente a titolo di pagamento o altro corrispettivo.

I titolari di licenza di cui all’articolo 1 possono pubblicizzarsi col loro marchio o logo, o entrambi, attraverso l’uso di strumenti della società dell’informazione solo attraverso un programma pubblicitario attraverso il quale il titolare del licenza può pubblicizzare su una pagina dei risultati di ricerca, a seguito dell’introduzione di termini di ricerca relativi al gioco d’azzardo, e in cui la pubblicità può essere considerata come un risultato di ricerca poiché l’annuncio è posto in cima alla pagina a pagamento.

I titolari di licenza di cui all’articolo 1 possono fare pubblicità per sé o per i prodotti di gioco d’azzardo che offrono sul proprio sito web e a condizione che:

1. l’interazione non sia consentita;

2. non sia consentito alcun risarcimento a terzi per la pubblicità;

3. la durata della pubblicità utilizzando immagini in movimento non superi i 5 secondi.

I titolari di licenze di cui all’articolo 1 possono pubblicizzare i prodotti del gioco d’azzardo che offrono solo sugli account che detengono sulle piattaforme di condivisione di contenuti online e a condizione che:

1. l’interazione non sia consentita;

2. non sia consentito alcun risarcimento a terzi per la pubblicità;

3. la durata della pubblicità utilizzando immagini in movimento non superi i 5 secondi.

Disposizioni generali sulla pubblicità autorizzata

La pubblicità è limitata al gioco d’azzardo consentito dalla legge sul gioco d’azzardo.

In conformità alle condizioni di cui al capitolo 2, un titolare di licenza di cui all’articolo 1 può pubblicizzare per se stesso e/o per il gioco d’azzardo offerto da lui o da entrambi.

La pubblicità non può essere indirizzata specificamente a gruppi socialmente vulnerabili. I gruppi socialmente vulnerabili comprendono le persone che non soddisfano i requisiti di età minima e tutte le altre persone di cui all’articolo 54 della legge sul gioco d’azzardo, nonché le persone che mostrano le caratteristiche del comportamento di gioco d’azzardo a rischio.

La pubblicità non può essere personalizzata.

Ad eccezione dei loghi già esistenti al momento della pubblicazione del presente decreto, la pubblicità non può rappresentare persone fisiche o caratteri fittizi.

La pubblicità non può avvalersi della voce di persone fisiche famose o personaggi famosi di fantasia.

La pubblicità per promuovere il gioco d’azzardo gestita dai titolari di licenza di cui all’articolo 1 è consentita solo se il suo contenuto:

1. non contiene alcuna dichiarazione infondata sulle vincite che i giocatori possono aspettarsi di ottenere;

2. non incoraggia il gioco irresponsabile e abusivo;

3. non suggerisce che la vincita possa dipendere dalla conoscenza del gioco o dalle abilità del giocatore;

4. non loda le persone che giocano o critica coloro che non giocano;

5. non esercita pressioni su una persona se non desidera partecipare al gioco;

6. non suggerisce che il gioco costituisca un’alternativa al lavoro e al risparmio, un modo per arricchirsi rapidamente o una soluzione ai problemi finanziari;

7. non stabilisce un legame tra il gioco d’azzardo e il successo sociale, finanziario e sessuale;

8. non mette in scena situazioni in cui le persone giocano d’azzardo o scommettono e, allo stesso tempo, consumano prodotti alcolici o tabacco;

9. non promuove o si associa a pubblicità che offrono prestiti che possono essere ottenuti per finalità legate al gioco;

10. non utilizzi disegni o tecniche di commercializzazione che facciano riferimento a caratteri, immagini o espressioni popolari o alla moda relativi alle persone di cui all’articolo 15.

La pubblicità a favore del gioco d’azzardo gestita dai titolari di licenza di cui all’articolo 1 comprende un’indicazione dell’età minima necessaria per partecipare a tale gioco d’azzardo. Il ministro della Giustizia, previa consultazione del Consiglio superiore della sanità, definisce i termini che tale indicazione di età deve rispettare.

Indipendentemente dal mezzo utilizzato, ogni pubblicità per il gioco d’azzardo contiene un messaggio di prevenzione. Il ministro della Giustizia, dopo aver consultato il Consiglio superiore della sanità, definisce i termini che tale messaggio di prevenzione deve rispettare.

 

PressGiochi

Fonte immagine: foto nostra Andrea

×