23 Ottobre 2020 - 23:24

Giochi d’azzardo e pubblicità: la Catalogna invia a Bruxelles il nuovo decreto

La comunità spagnola della Catalogna ha inviato a Bruxelles un progetto di legge che va a modificare le norme sul gioco vigenti nella regione. Il Governo ha avuto la necessità

10 Agosto 2020

Print Friendly, PDF & Email

La comunità spagnola della Catalogna ha inviato a Bruxelles un progetto di legge che va a modificare le norme sul gioco vigenti nella regione.

Il Governo ha avuto la necessità di regolamentare aspetti che la realtà economica ha trasformato in sostanziali, soprattutto a seguito della pandemia COVID-19 e delle misure associate, che hanno determinato un aumento esponenziale del problema del gioco d’azzardo in relazione ai contenuti online, all’attività delle piattaforme commercio digitale, elettronico, giochi in linea o comunicazioni pubblicitarie e commerciali tramite reti sociali; soprattutto quello rivolto ai gruppi più vulnerabili come i bambini e i giovani.

Il decreto legge del 28 luglio modifica la legge 22/2010, del Codice di consumo della Catalogna, per il miglioramento della protezione dei consumatori nelle relazioni digitali e la protezione dei gruppi vulnerabili in termini di giochi d’azzardo e pubblicità di giochi e giocattoli attraverso i social network.

Tra le modifiche introdotte, vengono definiti alcuni aspetti della società dell’informazione, in particolare piattaforme digitali, motori di ricerca, mercato online o social network, sono stabiliti obblighi comuni per le piattaforme e i servizi online, viene stabilito un limite del 25% del margine economico applicabile alla rivendita. Vengono stabiliti obblighi di informazione e pubblicità, di verificare l’età del giocatore e divieto di offrire regali o vantaggi economici se comportano una spesa per il consumatore.

Infine vengono imposti obblighi di informazione nella pubblicità “occulta” attraverso i social network, in particolare giochi e giocattoli destinati ai bambini.

PressGiochi

Fonte immagine: foto nostra Andrea