23 Ottobre 2020 - 07:21

Germania. L’industria accoglie positivamente il periodo di transizione all’iGaming

Gli operatori di giochi online hanno accolto con favore la decisione della Germania di introdurre un periodo di transizione anticipato rispetto alla prevista regolamentazione dell’igaming il prossimo luglio. Gli stati

02 Ottobre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Gli operatori di giochi online hanno accolto con favore la decisione della Germania di introdurre un periodo di transizione anticipato rispetto alla prevista regolamentazione dell’igaming il prossimo luglio. Gli stati tedeschi hanno concordato il mese scorso di tollerare gli operatori di gioco online esistenti per il periodo rimanente fino all’entrata in vigore della nuova legislazione, a condizione che adottino le regole della nuova legislazione in anticipo entro il 15 ottobre. Il nuovo trattato interstatale tedesco sul gioco è attualmente in fase di elaborazione. Alcuni hanno criticato la scadenza ravvicinata per adeguarsi ai controlli e ai limiti stabiliti dalla nuova normativa. Gli operatori hanno solo altre due settimane per rimuovere tutti i giochi da tavolo, rimuovere i mercati delle scommesse in-play negli sport, implementare un limite di €1 per giro sulle slot e un limite di deposito di €1.000 su tutti i conti e bloccare il gioco simultaneo su più slot. Tali modifiche significano anche un impatto su entrate e profitti per la maggior parte degli operatori che cercano di conformarsi.

L’associazione industriale tedesca Deutscher Sportwettenverband (DSWV) ha accolto con favore la mossa per garantire un periodo di transizione senza intoppi, ma ha criticato i tempi e ha affermato che alcuni stati sono ancora ostruttivi. Il suo presidente, Mathias Dahms, ha dichiarato: “Un periodo di implementazione di sole due settimane per progetti IT complessi è impossibile. In condizioni normali, un tale processo richiede diversi mesi per essere completato. In alcuni stati federali, tuttavia, gli sforzi per la ri-regolamentazione del settore del gioco d’azzardo sembrano essere illimitati. Apparentemente è inteso a rendere il più difficile possibile per i fornitori di giochi privati ​​soddisfare i requisiti statali e ottenere licenze. Ecco perché la decisione sui criteri di tolleranza è stata ritardata così a lungo”.

Shay Segev, amministratore delegato di GVC, ha dichiarato: “L’introduzione del Trattato Interstatale e della Politica di Tolleranza porta chiarezza sul futuro della regolamentazione del gioco online in Germania. Questo sviluppo è da accogliere positivamente, così come la certezza e dettaglio che fornisce sull’operare con il nuovo regime di licenze. La creazione di condizioni di parità per operatori responsabili e autorizzati è in definitiva un bene per i consumatori tedeschi, il gruppo e l’industria nel suo complesso. Inoltre, rafforza la nostra posizione di operatore più responsabile e regolamentato a livello globale nel nostro settore. Non vediamo l’ora di costruire la nostra offerta leader di mercato in Germania e di fornire ai nostri clienti le migliori esperienze di gioco secondo il nuovo quadro normativo”.

 

 

 

PressGiochi