27 Novembre 2021 - 14:39

Germania: l’associazione DSWV risponde con un secco no alla proposta di vietare la pubblicità del gioco d’azzardo

L’Associazione tedesca per le scommesse sportive (DSWV) ha preso una posizione chiara contro la proposta proveniente da un esponente del Senato di vietare la pubblicità delle scommesse sportive. Ulrich Mäurer,

25 Novembre 2021

Print Friendly, PDF & Email

L’Associazione tedesca per le scommesse sportive (DSWV) ha preso una posizione chiara contro la proposta proveniente da un esponente del Senato di vietare la pubblicità delle scommesse sportive.

Ulrich Mäurer, il senatore del Partito socialdemocratico (SPD) per lo Stato di Brema, ha chiesto l’imposizione di un divieto di pubblicità per le scommesse sportive alla Conferenza degli interni ministri. L’ente commerciale DSWV ha dichiarato di “respingere con forza” la dichiarazione riportata dal ministro, sostenendo che la richiesta viola quanto approvato dallo Stato di Brenen – insieme agli altri 15 Stati federali tedeschi che hanno sanzionato a livello federale il GlüNeuRStv – il quarto trattato interstatale sul gioco d’azzardo.

 

Approvato il 1 luglio dai 16 Lander tedeschi, la principale polemica che circondava il trattato ruotava attorno alla tassazione, con il proseguimento delle scommesse sportive online, il casinò e il poker approvati. Il marketing, nel frattempo, è stato ampiamente approvato anche dagli stati federali, con il DSWV che ha sottolineato che il trattato “sostiene espressamente” la pubblicità delle scommesse al fine di salvaguardare gli scommettitori tedeschi dagli operatori del mercato nero. Il DSWV ha sottolineato che la Corte di giustizia europea (CGUE) si era pronunciata a favore della pubblicità delle scommesse sportive nella causa Zeturf (C-212/08), in particolare in relazione all’orientamento dei consumatori verso il mercato legale e lontano dalle offerte illecite del mercato nero.

L’ente commerciale ha ribadito la sua posizione evidenziando che un divieto in tal senso metterebbe a rischio i consumatori nazionali che presi di mira dagli attori del mercato nero non saranno in grado di trovare offerte legali senza l’incoraggiamento della pubblicità.

Descrivendo la proposta del senatore del Brenen come “controproducente”, il presidente della DSWV Mathias Dahms ha dichiarato: “Poiché ci sono ancora molti fornitori illegali attivi sul mercato tedesco, la possibilità di pubblicità per i fornitori autorizzati è di fondamentale importanza. In quale altro modo i cittadini dovrebbero distinguere tra offerte sicure e non sicure? In anni di trattative, gli stati federali hanno trovato un buon equilibrio tra la visibilità pubblica delle offerte di gioco legale e le preoccupazioni dei giovani e della protezione dei giocatori. Partiamo dal presupposto che la Conferenza dei ministri dell’Interno si senta vincolata dalle risoluzioni di tutti i 16 parlamenti statali sul Trattato statale sul gioco d’azzardo” ha concluso.

Il DSWV aveva inizialmente sostenuto provvisoriamente il nuovo quadro normativo tedesco dopo la sua approvazione all’inizio di quest’anno – insieme al rappresentante dell’industria dei casinò DOCV – esprimendo particolari preoccupazioni sui suddetti avvertimenti fiscali del trattato. Accusando i parlamentari del Bundesrat tedesco di aver approvato una “valutazione fiscale errata”, l’organismo rappresentativo del settore ha affermato che il regime normativo non farebbe che aumentare le sfide affrontate dall’industria del gioco d’azzardo tedesca, come restrizioni sui prodotti, limitazioni dei depositi e rigorose disposizioni tecniche. L’ultima dichiarazione del DSWV rappresenta una continuazione degli scontri con i supervisori politici, basandosi sulle sue critiche fiscali, a cui si è unita la European Gaming and Betting Association (EGBA).

Temendo una “disuguaglianza di trattamento” per quanto riguarda la pubblicità, Dahms ha proseguito: “Lo Stato non deve dare l’impressione di misurare gli operatori del gioco con due pesi e due misure e di voler privilegiare le proprie offerte di gioco. Dopotutto, tutti i titolari di una licenza di gioco tedesca, sia statali che privati, sono stati ampiamente controllati dalle autorità per la loro affidabilità e prestazioni. Questo vale in particolare anche per i loro concetti pubblicitari. La pubblicità per fornitori illegali è vietata dalla legge, le forze dell’ordine dovrebbero concentrarsi sull’applicazione di questo”.

 

PressGiochi

Fonte immagine: foto nostra Andrea