23 Gennaio 2021 - 11:32

Gentiloni (Ue): “Commissione europea a lavoro per tassare i servizi digitali degli operatori del gioco d’azzardo”

La Commissione europea sostiene che tutte le società, comprese quelle impegnate nel gioco d’azzardo online, dovrebbero pagare la loro giusta quota e ha intrapreso azioni senza precedenti per promuovere una

13 Gennaio 2021

Print Friendly, PDF & Email

La Commissione europea sostiene che tutte le società, comprese quelle impegnate nel gioco d’azzardo online, dovrebbero pagare la loro giusta quota e ha intrapreso azioni senza precedenti per promuovere una concorrenza fiscale leale e combattere l’elusione fiscale.

 

E’ quanto afferma il Commissario della Commissione europea Paolo Gentiloni rispondendo all’interrogazione di ottobre dell’europerlamentare Idoia Villanueva Ruiz (GUE/NGL).

 

“Gli Stati membri sono tenuti a rispettare una serie di norme internazionali e dell’UE per ridurre il rischio di erosione della base e lo spostamento dei profitti, come ad esempio la Direttiva sulla cooperazione amministrativa e la Direttiva contro l’elusione fiscale.

Inoltre, i loro regimi fiscali preferenziali sono in corso di revisione attraverso il lavoro del Code  of  Conduct  Group  (Business  Taxation). Nel quadro del semestre europeo, la Commissione esamina anche la questione delle pratiche di pianificazione fiscale aggressiva e, se necessario, formula raccomandazioni. La questione è stata evidenziata anche nelle linee guida recentemente pubblicate agli Stati membri per i loro piani di ripresa e resilienza.

Nel contesto della tassazione dei servizi digitali, come il gioco d’azzardo online, la Commissione partecipa attivamente alle discussioni internazionali che si svolgono nell’Organizzazione per l’economia Cooperazione e sviluppo per la riforma del quadro di tassazione delle società. La combinazione delle misure in esame dovrebbe garantire un’equa tassazione per i grandi gruppi multinazionali consentendo alle giurisdizioni di tassare i profitti guadagnati attraverso il valore creato nei loro territori e garantire un livello minimo di tassazione dei profitti”.

 

Villanueva Ruiz denunciava la pratica di molti operatori per il betting e il gioco online di spostare la sede nei territori che prevedono condizioni fiscali favorevoli.

PressGiochi