22 Settembre 2020 - 18:49

Gamenet. Nei primi sei mesi 2020 ricavi a 177,5 mln; Vlt perdono il 64,6% della raccolta a causa del Covid19, ma cresce l’online

Nei primi sei mesi del 2020 il gruppo Gamenet ha registrato ricavi pari a 177,5 mln di euro rispetto ai 356,8 mln del 2019.   La diffusione dell’epidemia da Covid-19

11 Agosto 2020

Print Friendly, PDF & Email

Nei primi sei mesi del 2020 il gruppo Gamenet ha registrato ricavi pari a 177,5 mln di euro rispetto ai 356,8 mln del 2019.

 

La diffusione dell’epidemia da Covid-19 a partire dalla fine di febbraio e le misure adottate dalle autorità governative per farvi fronte – si legge nel Bilancio consolidato intermedio abbreviato al 30 giugno 2020 – hanno avuto significative ripercussioni sull’attività economica nei primi sei mesi del 2020, che avrebbe registrato una caduta stimabile attorno ai dieci punti percentuali.

Il Gruppo registra 2,4 miliardi di “bet” consuntivati al 30 giugno 2020 grazie a una rete di circa 1.732 diritti scommesse, 8.570 diritti VLT, 29.605 NOE AWP (e 11.484 AWP di proprietà) ed un network di circa 7.855 punti vendita operativi, di cui 59 in gestione diretta. Il risultato del periodo esprime una perdita pari a euro 16,3 milioni, verso un utile rilevato nello stesso periodo dell’anno precedente pari a euro 3,8 milioni.

 

 

Il decremento dei “ricavi” rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente caratterizza sostanzialmente tutti i segmenti di business (con l’eccezione del segmento Online) ed è principalmente riconducibile:

alle misure emanate dalle autorità governative in materia di contenimento e gestione dell’emergenza legata alla diffusione del Covid-19, con la raccolta ferma prima in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna già a partire dalla fine del mese di febbraio 2020 e poi nel resto d’Italia a partire dal 9 marzo 2020, con una graduale ripresa solo a partire dal 15 giugno 2020;

– agli effetti del disallineamento temporale tra l’incremento delle aliquote Preu (efficace da gennaio 2020) e la riduzione del payout (che richiede tempi più lunghi, legati alla sostituzione delle schede AWP ed alla disponibilità di giochi VLT a ridotto payout);

agli effetti negativi registrati già dall’inizio del corrente anno sulla raccolta del segmento VLT derivanti dall’introduzione dell’obbligo dell’inserimento della tessera sanitaria dal 1 gennaio 2020 (ai sensi dell’art. 9 quater del D.L 12 luglio 2018 n.87 introdotto dalla Legge di conversione 96/2018). Il segmento Online, per quanto influenzato negativamente della temporanea interruzione dei principali eventi sportivi, è rimasto operativo durate tutto il periodo dell’emergenza sanitaria, evidenziando ricavi in sensibile aumento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Per un’analisi più approfondita delle dinamiche specifiche del segmento Online, si rimanda alla Relazione sulla Gestione.

 

Nel segmento Retail & Street Operations, nel periodo intercorrente tra gennaio e giugno 2020, il Gruppo ha sottoscritto un contratto per l’acquisto del ramo d’azienda “Extra Giochi Slot & Service” con gestori di AWP aventi ad oggetto l’acquisto di 337 AWP. Nell’ambito del segmento AWP, nel periodo intercorrente tra gennaio e giugno 2020 ha inoltre sottoscritto un contratto per l’acquisto del ramo d’azienda “Service provider” con un gestore di AWP aventi ad oggetto l’acquisto di 254 AWP.

 

AWP – La raccolta passa da euro 1.302,8 milioni al 30 giugno 2019 ad euro 544,4 milioni al 30 giugno 2020, riduzione dipesa principalmente dalle misure poste in essere dal Governo in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 che hanno previsto, tra le altre cose, la chiusura di sale giochi e bar. In parallelo, come conseguenza della riduzione della raccolta, si segnala una diminuzione della produttività media per macchina del 55,4%.

 

VLT – La raccolta è passata da euro 183,5 milioni del periodo chiuso al 30 giugno 2019 ad euro 71,6 milioni del periodo chiuso al 30 giugno 2020, con un decremento del 61,0%. A valle della riclassifica della raccolta su sale di proprietà collegate al concessionario Gamenet, il segmento Retail e Street Operations ha generato una raccolta pari a euro 194,2 milioni per il periodo chiuso al 30 giugno 2020 (il 64,6% in meno rispetto a euro 548,8 milioni nello stesso periodo dell’anno precedente).

 

Cresce l’ONLINE – La raccolta al 30 giugno 2020 è cresciuta del 26,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (passando da euro 743,9 milioni del 30 giugno 2019 ad euro 938,3 milioni al 30 giugno 2020). La sospensione delle competizioni sportive a seguito dell’emanazione dei decreti da parte del Governo accennati in precedenza, ha comportato un freno anche nel settore delle scommesse sportive online che comunque registra, come detto, nel suo complesso, una crescita della raccolta rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. In particolare, la raccolta relativa alle scommesse sportive è passata da euro 229,4 milioni al 30 giugno 2019 ad euro 211,5 milioni al 30 giugno 2020.

A crescere, invece, sono i cosiddetti “Casino games”, la cui raccolta è passata da euro 448,9 milioni al 30 giugno 2019 ad euro 602,8 milioni al 30 giugno 2020 ed i giochi virtuali, per cui la raccolta è cresciuta più del 100% passando da euro 43,1 milioni al 30 giugno 2019 ad euro 97,3 milioni al 30 giugno 2020. Alla crescita del segmento hanno contribuito:

– il passaggio dei conti di gioco di provenienza Intralot, dalla piattaforma Intralot.it a Goldbet.it (ancor più completa e performante);

– la migliore performance delle scommesse sportive rispetto al mercato (infatti, rispetto ad un mercato in decrescita del 15.9%, la raccolta del Gruppo Gamenet si è ridotta del 7.8%);

– l’interruzione delle competizioni sportive (dovuta all’emergenza sanitaria), ha poi favorito un travaso della raccolta sui prodotti legati ai “Casino games” ed ai giochi virtuali, anche se la crescita della raccolta di questi prodotti è stata molto più che proporzionale;

– l’introduzione di nuovi giochi, come la suite Playtech (attiva da settembre 2019) e l’incremento dell’offerta di giochi live (in particolare, al 30 giugno 2020 il Gruppo vanta complessivamente oltre 550 Casino games);

– alcuni miglioramenti su sito e app (refactoring grafico e funzionale della sezione depositi e prelievi; inserimento dei virtual games nell’app dello sport betting; reintroduzione dello streaming per lo sport);

– le attività promozionali di retention/reactivation messe in atto dal Gruppo e all’acquisizione da canale retail.

 

 

 

PressGiochi