21 Settembre 2020 - 18:51

FVG. Dal Zovo (M5S): “Una nostra mozione per avere maggiori controlli sull’azzardo nei comuni”

Lombardia. In 5 anni triplicati i giocatori patologici, solo 2 richieste per sgravi fiscali per chi rinuncia alle slot Volpago del Montello (TV). Mercoledì 23 novembre in consiglio il regolamento

18 Novembre 2016

Print Friendly, PDF & Email

Lombardia. In 5 anni triplicati i giocatori patologici, solo 2 richieste per sgravi fiscali per chi rinuncia alle slot

Volpago del Montello (TV). Mercoledì 23 novembre in consiglio il regolamento sul gioco

 

In Friuli Venezia Giulia il Movimento Cinque Stelle ha presentato una mozione nata in seguito alla discussione in sede di comitato per la legislazione, vigilanza e controllo che il MoVimento presiede in regione. Il testo che chiede il contrasto dell’illecito emerso attraverso un inasprimento dei controlli comunali è già stato accolto dalle amministrazioni di Trieste, Gorizia, Muggia e Fontanafredda.

“La diffusione sul territorio della dipendenza da gioco compulsivo e patologico crea un fortissimo disagio sociale con pesanti conseguenze sulla salute dei cittadini e sul benessere delle famiglie – ha commentato la portavoce del M5S in Consiglio regionale Ilaria Dal Zovo –. Con questa iniziativa chiediamo pertanto che venga rafforzata l’azione della Polizia locale per far rispettare la normativa vigente”.
“Non possiamo trascurare – prosegue il consigliere – che uno dei temi maggiormente affrontati negli incontri del Tavolo tecnico regionale sul gioco d’azzardo patologico ha riguardato, oltre al divieto totale di pubblicità dell’azzardo, il rispetto della distanza da contesti sensibili come scuole, luoghi di culto e di aggregazione giovanile, strutture sanitarie e sociosanitarie. Le nuove Sale gioco e slot machine devono stare, infatti, ad almeno 500 metri di distanza .E’ fondamentale- ha concluso la Dal Zovo- che la Polizia locale effettui i necessari controlli sulle prescrizioni previste dalla legge, verificando allo stesso tempo che gli apparecchi siano regolarmente autorizzati, che le concessioni non siano scadute e che tutti i limiti siano rispettati”.

 

PressGiochi