28 Ottobre 2020 - 01:07

Frodi online. In tempi di Covid19, i consumatori sono i più presi di mira, ma calano quelle legate al gambling

Durante la pendemia si riducono del 9% le azioni fraudolente contro le aziende di tutto il mondo, nel mirino però finiscono i consumatori di servizi online. Nel settore del Gambling le frodi verso le aziende in tempi di Covid19 si sono ridotte dell’1%.

25 Agosto 2020

Print Friendly, PDF & Email

Durante la pendemia si riducono del 9% le azioni fraudolente contro le aziende di tutto il mondo, nel mirino però finiscono i consumatori di servizi online.

 

Lo rileva uno studio di TransUnion che oggi ha pubblicato la sua analisi trimestrale delle tendenze globali di frode online, scoprendo che i truffatori in seguito al Covid stanno modificando le loro attività e i loro bersagli, puntando le loro truffe legate al COVID-19 e ai consumatori online.

 

TransUnion è giunta a questa conclusione dopo aver analizzato miliardi di transazioni, oltre 40.000 siti Web e app contenuti nella soluzione di prevenzione delle frodi, IDVision® con iovation®.

 

La percentuale di transazioni digitali fraudolente contro le aziende di tutto il mondo è diminuita del 9% dall’inizio della pandemia fino alla riapertura delle aziende. Al contrario, i consumatori presi di mira  sono aumentati del 10% dall’inizio della pandemia.

 

“Con la fretta per le aziende di passare al digitale, poiché molte sono state costrette ad andare completamente online quasi dall’oggi al domani, i truffatori hanno cercato di trarne vantaggio”, ha affermato Shai Cohen, vicepresidente senior di Global Fraud Solutions di TransUnion.

“Molto probabilmente non hanno avuto successo nei loro tentativi e hanno portato le loro truffe altrove mentre le aziende hanno potenziato le loro soluzioni di prevenzione delle frodi digitali fornendo al contempo un’esperienza di consumo giusta”.

Cosa che è accaduta anche al settore del Gambling dove le frodi verso le aziende in tempi di Covid19 si sono ridotte dell’1%.

 

 

“I truffatori utilizzano sempre più il COVID-19 per depredare i consumatori che devono affrontare crescenti pressioni finanziarie” ha spiegato Cohen.

 

 

Quando si confrontano le transazioni digitali pre-pandemia con quelle durante la pandemia (11 marzo-25 luglio), le sospette frodi ai danni delle imprese sono rimaste relativamente piatte, con un aumento dell’1%.

 

 

“Sembra che i truffatori ritengano meno interessanti in questa fase le società di viaggi e tempo libero visto che la pandemia continua ad avere un impatto negativo sulla loro attività. Allo stesso tempo, anche le società di telecomunicazioni, commercio elettronico e servizi finanziari, prima molto soggette a frodi digitali, sono tra le meno prese di mira” ha affermato Melissa Gaddis, direttore senior di Global Fraud Solutions di TransUnion.

A livello globale, in tutti i settori, TransUnion ha rilevato che i paesi con la più alta percentuale di transazioni fraudolente sospette sono: 1) Kazakistan, 2) Grecia e 3) Cipro. Negli Stati Uniti le città con la più alta percentuale di transazioni fraudolente sospette sono: 1) Livonia, Michigan 2) Akron, Ohio e 3) Jackson, Miss.

 

Per comprendere meglio l’impatto del COVID-19 sui consumatori, TransUnion ha intervistato 8.265 persone in Canada, Colombia, Hong Kong, Sud Africa, Regno Unito e Stati Uniti nella settimana del 27 luglio. Più di tre intervistati su 10 (32%) hanno affermato che erano stati presi di mira da frodi digitali relative al COVID-19, con la Generazione Z (età 18-25) al 36%. Tra i consumatori che segnalano di essere stati presi di mira dagli schemi COVID-19 digitali a livello globale, la truffa principale a tema pandemico è il phishing con il 27%. Gaddis ha spiegato: “Il phishing mostra che i truffatori non sono alla ricerca di un colpo rapido, ma piuttosto cercano il lungo termine. Una volta che un truffatore ruba le credenziali dei consumatori, l’ondata di interruzioni che può causare con un’identità rubata o sintetica è infinita, dalla compromissione di più account online a un impatto significativo sui punteggi di credito”.

 

 

 

 

 

PressGiochi