25 Gennaio 2021 - 18:13

Francia. Le corse ippiche perdono 15 milioni di euro al mese

Le corse ippiche francesi sono state in grado di continuare nel secondo lockdown nazionale. Tuttavia, France Galop ha sottolineato che la chiusura di tutti i negozi non essenziali aveva comportato un calo significativo degli importi scommessi sugli eventi.

24 Novembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Le corse ippiche francesi sono state in grado di continuare nel secondo lockdown nazionale. Tuttavia, France Galop ha sottolineato che la chiusura di tutti i negozi non essenziali aveva comportato un calo significativo degli importi scommessi sugli eventi. Dopo che le puntate sono aumentate del 15% su base annua a luglio e agosto, i primi due mesi dopo il primo lockdown, la crescita è rallentata al 10% in agosto, poi solo all’1,2% in ottobre, quando le restrizioni sono state nuovamente aumentate, costringendo 4.000 bar, ristoranti e negozi dei 13.000 che costituiscono il monopolio della vendita al dettaglio di Pari-Mutuel Urbain (PMU) a chiudere fino al 1° dicembre. Di conseguenza, il fatturato giornaliero è stato “gravemente colpito”, in calo tra il 20% e il 30%.

“L’online, da parte sua, sta accelerando la crescita rispetto alle settimane precedenti, il che è molto incoraggiante ma senza essere in grado di compensare la maggior parte del fatturato perso nel retail. Nel corso del 2020 nel complesso, compresa la sospensione delle gare, le assegnazioni saranno diminuite del 25,6% rispetto al 2019” ha affermato France Galop. Ciò equivale a una perdita media di circa 15 milioni di euro al mese e se il blocco dovesse estendersi fino a dicembre, l’attività dovrebbe registrare una perdita netta per l’anno. Ciò, a sua volta, significherebbe che France Galop non sarebbe in grado di rivedere gli stanziamenti di finanziamento come previsto. Tuttavia, circa 185 milioni di euro sono stati distribuiti all’industria da France Galop e la maggior parte di questi sono stati assegnati come premi per gare di flat e jump, premi proprietari o indennità di trasporto.

Questo contesto ha fatto sì che la definizione di un budget fosse un processo “delicato”, ha continuato, poiché era molto difficile prevedere i ricavi dalle corse e dalle scommesse sulle corse nell’anno a venire. Ciò potrebbe costringerlo a trattenere temporaneamente alcuni finanziamenti pianificati nel prossimo anno. L’aggiornamento che copre il secondo blocco francese segue France Galop che ha annunciato una strategia quadriennale per aiutare le corse a riprendersi dall’interruzione del COVID-19 a ottobre. Questo cercherà di incentivare gli addestratori a portare nuovi cavalli in competizione, nonché di incoraggiare i proprietari e gli addestratori stranieri a partecipare agli eventi di corsa del paese.

 

 

 

PressGiochi