15 Agosto 2020 - 03:09

Francia. Française Des Jeux registra una graduale ripresa post-COVID-19

La Française des Jeux (DFG) ha registrato una buona performance nel post-COVID-19, che ha ridotto un calo delle entrate nella prima metà dell’esercizio finanziario dell’operatore

30 Luglio 2020

Print Friendly, PDF & Email

La Française des Jeux (FDJ) ha registrato una buona performance nel periodo post-COVID-19, emergenza che ha ridotto un calo delle entrate nella prima metà dell’esercizio finanziario dell’operatore.

L’operatore ha registrato che gli importi puntati nel primo semestre sono scesi del 18,4% su base annua a € 6,90 miliardi. I ricavi del periodo sono diminuiti del 10,1% a 849 milioni di euro. Ha osservato che fino al blocco della Francia il 16 marzo, la posta in gioco era aumentata del 5% su base annua, prima di scendere del 60% nei successivi due mesi.

 

Tuttavia, da quando il Governo francese ha iniziato a revocare il blocco dall’11 maggio, Fdj ha iniziato a registrare una graduale ripresa. Ciò è stato poi accelerato con la ripresa delle competizioni sportive e la ripresa del gioco della lotteria Amigo l’8 giugno. Pertanto, il calo delle poste è stato notevolmente ridotto e le quote sono tornate ai livelli del 2019.

I giochi della lotteria rappresentavano ancora la maggior parte delle puntate, nonostante il contributo scendesse del 12,6% a 5,78 miliardi di euro, di cui 3,56 miliardi provenienti da lotterie a vincita istantanea (-11,3%). Nel frattempo, i giochi a sorteggio hanno visto un calo del 14,6% a 2,22 miliardi di euro.

Per le scommesse sportive la posta in gioco è diminuita del 38,8% a 1,11 miliardi di euro, in un periodo in cui il calendario sportivo è stato quasi spazzato via dalla pandemia. Anche la stagione calcistica della Francia 2019-2020 si è conclusa in aprile, senza giornate di campionato fino a settembre. Ciò è servito a trascinare il contributo online alla posta in gioco, che è sceso del 15,8% a 1,39 miliardi di euro, sebbene FDJ abbia notato che le quote della lotteria online hanno goduto di un forte slancio nel semestre, passando da circa il 50% a 500 milioni di euro. Ciò è stato sminuito dalle partecipazioni al dettaglio, che hanno contribuito con 6,27 miliardi di euro, in calo del 20,8% su base annua. Su tutti i canali, i giocatori hanno vinto €4,65 miliardi, in calo del 19,3% e pari a un payout ratio del 67,3%. Dopo le vincite, le entrate lorde di gioco di Fdj per il periodo di sei mesi sono diminuite del 15,4% a €2,25 miliardi. Il GGR di €1,95 miliardi dalla lotteria, in calo del 13,2% e 298 milioni di euro dalle scommesse sportive, in calo del 26,1%. Le soluzioni di scommesse sportive B2B hanno portato a ulteriori 6 milioni di euro.

Al netto di imposte e commissioni per 1,43 miliardi di euro, i ricavi netti per il primo semestre sono diminuiti del 14,7% a 829 milioni di euro. Ciò è aumentato di 20 milioni di euro, grazie alle attività di pagamento e intrattenimento, per un fatturato semestrale complessivo di 849 milioni di euro, in calo del 10,1%. Mentre gli utili sono diminuiti drasticamente, Fdj ha osservato che un piano di riduzione dei costi, per ridurre in definitiva gli esborsi di 80 milioni di euro nel 2020, aiuta a mantenere l’operatore prima del 20% degli interessi e del margine fiscale, al 20,5%.

 

L’EBITDA del periodo è diminuito del 16,4% a € 174 milioni. Il piano di riduzione dei costi ha contribuito a ridurre le spese operative del 12% a 725 milioni di euro, con il calo più marcato del costo delle vendite, che è sceso del 17,6% a 482 milioni di euro. Le spese di marketing e comunicazione ammontano a 147 milioni di euro, mentre le spese generali e amministrative ammontano a 87 milioni di euro.

Dopo tutto questo, l’utile operativo è sceso dell’8,9% a 124 milioni di euro. Il Fdj ha inoltre sostenuto spese non ricorrenti per 30,3 milioni di euro, riducendo l’utile operativo a 94 milioni di euro, in calo del 27,2%. Dopo oneri finanziari per 5,2 milioni di euro, l’utile ante imposte è diminuito del 36,5% a 89 milioni di euro, con un utile netto in calo del 47,7% a €50 milioni dopo imposte sul reddito di € 39 milioni.

L’amministratore delegato di Fdj Stéphane Pallez, ha spiegato: “La forte mobilitazione del gruppo dall’inizio della crisi sanitaria e un piano di riduzione dei costi rapidamente implementato hanno limitato l’impatto sui risultati del primo semestre. Da metà giugno registriamo quote ad un livello comparabile a quello del 2019. I nostri orientamenti strategici e la forza del modello FDJ sono stati confermati e continuiamo a investire per sostenere lo sviluppo di tutte le nostre attività”.

 

 

 

 

PressGiochi