21 Gennaio 2021 - 14:43

Francia. ANJ semplifica le modalità d’iscrizione al servizio di autoesclusione

Il regolatore francese del gioco d’azzardo Autorité Nationale des Jeux (ANJ) ha stabilito dei piani per semplificare il sistema di autoesclusione del paese per rendere più facile per i giocatori bloccare l’accesso ai prodotti di gioco d’azzardo.

12 Gennaio 2021

Print Friendly, PDF & Email

Il regolatore francese del gioco d’azzardo Autorité Nationale des Jeux (ANJ) ha stabilito dei piani per semplificare il sistema di autoesclusione del paese per rendere più facile per i giocatori bloccare l’accesso ai prodotti di gioco d’azzardo. ANJ, che a cavallo dell’anno ha assunto formalmente la gestione del sistema di autoesclusione dal Ministero dell’Interno francese, si è impegnata a rinnovare il modo in cui i giocatori possono iscriversi al servizio. Circa 38.500 persone in Francia sono attualmente autoescluse dal gioco d’azzardo, con il servizio che blocca l’accesso ai casinò terrestri e ai club di gioco, nonché alle scommesse sportive e ai siti Web di poker online e ai giochi gestiti da Française des Jeux e PMU sia online che su punti vendita fisici.

ANJ ha affermato che il nuovo sistema ridurrà i tempi di registrazione a un massimo di due settimane, invece di sei settimane con il regime precedente. L’autoesclusione durerebbe per un periodo di tre anni, dopodiché il giocatore potrebbe chiedere di rimuovere il blocco. ANJ verificherà nuovamente questa richiesta e informerà il giocatore quando sarà stato rimosso dalla lista di autoesclusione. “Questo nuovo servizio dovrebbe rendere più facile per i giocatori il ricorso all’autoesclusione dal gioco d’azzardo. I giocatori problematici ci pensano, ne sentono parlare, ma se il processo è troppo complicato, si arrendono. Possiamo sperare che la riforma del sistema da parte dell’ANJ consentirà a coloro che lo desiderano di utilizzarlo prima e più rapidamente. E sappiamo che ridurre l’accesso all’offerta di gioco è un passo importante per i giocatori in difficoltà”, ha detto il membro del consiglio di ANJ, specialista delle dipendenze e psichiatra Mario Blaise.

La proposta arriva dopo che il governo francese la scorsa settimana ha notificato alla Commissione europea una serie di nuove regole di protezione dei giocatori, che richiedono agli operatori di creare piani d’azione per rendere il gioco d’azzardo più sicuro e fornire strumenti come limiti di deposito ai clienti.

 

 

 

PressGiochi