27 Settembre 2020 - 13:21

Francia. A Parigi si fa strada la proposta di aprire club del gioco al posto dei casinò

Mentre in Italia i quattro casinò cercano di lavorare con il governo in carica per una eventuale modifica della normativa vigente attraverso la legge delega, in Francia, e precisamente nella

16 Giugno 2015

Print Friendly, PDF & Email

Mentre in Italia i quattro casinò cercano di lavorare con il governo in carica per una eventuale modifica della normativa vigente attraverso la legge delega, in Francia, e precisamente nella capitale parigina, il Ministero dell’Interno ha deciso di non aprire case da gioco nella città, come proposto inizialmente dal governo.

Per il ministro Bernard Cazeneuve al posto dei casinò andrebbero aperti del clubs, una sorta di sale dedicate esclusive che andrebbero a sostituire i vecchi circoli per il gioco.

“Il nuovo sistema potrebbe essere operativo nei primi mesi del 2016”, fanno sapere dal Ministero dell’Interno, determinato a emanare la norma quanto prima. Gli esperti di gioco confermano che il Ministero sta già lavorando sulla nuova legislazione. Questa decisione segna una svolta rispetto alle iniziali proposte del governo, che erano dirette a chiudere i pochi circoli rimasti in città, per aprire al loro posto uno o più casinò. Ma la decisione sarà adottata in via sperimentale per cinque anni, lo Stato infatti, intende attuare a Parigi e Reims un nuovo sistema, con dei club che, come i circoli, ospitano non solo macchine e giochi classici come il poker, roulette o baccarat. Tuttavia, essi non saranno gestiti come associazioni senza scopo di lucro, ma come aziende commerciali, quindi il loro sistema fiscale sarà rivisto.

 

PressGiochi