03 Dicembre 2022 - 07:21

Filippine: il neo Presidente Marcos Jr di fronte alle sfide del gioco d’azzardo

Nelle Filippine, il neoeletto presidente Ferdinand Marcos Jr dovrà affrontare una serie di problemi legati all’industria dei giochi che devono essere risolti nei prossimi mesi. Ferdinand Marcos Jr, ha superato

11 Maggio 2022

Print Friendly, PDF & Email

Nelle Filippine, il neoeletto presidente Ferdinand Marcos Jr dovrà affrontare una serie di problemi legati all’industria dei giochi che devono essere risolti nei prossimi mesi.

Ferdinand Marcos Jr, ha superato i 27,5 milioni di voti necessari per raggiungere la maggioranza. Dovrà affrontare diverse questioni legate all’industria dei giochi. Prima di tutto, dovrà decidere il futuro delle operazioni di e-sabong, i combattimenti di galli online, che sono state definitivamente sospesi dal presidente Rodrigo Duterte dopo che i senatori hanno sollevato preoccupazioni. A marzo, 23 senatori hanno firmato la risoluzione n. 996 che chiedeva la sospensione dell’e-sabong dopo la scomparsa di 31 persone legate al settore. Inizialmente, Duterte ha difeso l’e-sabong sostenendo che era necessario per l’economia a causa della mancanza di fondi a causa della pandemia di Covid-19. Tuttavia, alla fine ha ceduto e ha detto che l’e-sabong stava “lavorando contro i nostri valori”.

Il nuovo presidente delle Filippine dovrà anche analizzare lo sviluppo del sistema PIGO (Philippine Inland Gaming Operator) che consente agli operatori di offrire servizi di gioco ai giocatori all’interno del Paese.

E infine, Marcos Jr dovrà decidere se portare avanti il progetto per trasformare l’isola di Boracay in una destinazione di gioco. Lo scorso dicembre, la Philippine Amusement and Gaming Corp (PAGCOR) ha annunciato l’apertura del Grand Imperial, un nuovo casinò a Barangay Taboc. Tuttavia, l’annuncio non è stato ben accolto dalla chiesa cattolica locale poiché l’arcidiocesi di Cagayan de Oro ha pubblicato una lettera aperta, firmata dall’arcivescovo Jose Cabantan, contro l’apertura. Sette vescovi e un amministratore diocesano della chiesa cattolica hanno anche rilasciato una dichiarazione contro il piano del presidente delle Filippine Rodrigo Duterte di consentire il gioco d’azzardo a Boracay. Hanno affermato che consentire il gioco d’azzardo “distruggerebbe i valori preziosi, la cultura e la vita della comunità”.

 

PressGiochi