29 Luglio 2021 - 15:01

Emilia Romagna: bocciato l’emendamento Facci per una moratoria alla delocalizzazione delle sale giochi

Con 23 voti contrari e 15 a favore è stato respinto l’emendamento a firma Michele Facci ed altri della Lega Salvini in Emilia Romagna nel quale si chiedeva una proroga

21 Luglio 2021

Print Friendly, PDF & Email

Con 23 voti contrari e 15 a favore è stato respinto l’emendamento a firma Michele Facci ed altri della Lega Salvini in Emilia Romagna nel quale si chiedeva una proroga all’applicazione dei criteri, anche quelli della distanza tra sale gioco e luoghi sensibili, della legge regionale sul gioco d’azzardo.

 

La proposta al Collegato a firma Facci chiedeva di introdurre l’articolo 7 ter alla legge regionale recante “Norme per il contrasto, la prevenzione, la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate”  introducendo sostegni economici per i lavoratori del gioco interessati dalle chiusure, la correzione dell’applicazione del distanziometro regionale e una moratoria dei termini per l’applicazione degli atti esecutivi di chiusura degli esercizi pubblici convolti dal distanziometro ai luoghi sensibili. La proposta richiamava la necessità di un intervento nazionale di riordino dell’intero comparto del gioco pubblico.

 

Restano deluse le tante lavoratrici del gioco legale che in questi giorni si sono riunite per protestare e chiedere l’approvazione della proposta sotto il palazzo della Regione.

PressGiochi