28 Settembre 2020 - 04:02

Emilia Romagna. Bertani (M5S).”In sede di bilancio, per gli sgravi irap ai locali no-slot, il PD non è disposto a collaborare”

Convocazione Conferenza unificata, nessun odg sul gioco “Sul bilancio, Il pd non sembra disposto a collaborare e ad accettare le nostre proposte. Al momento non c’è disponibilità ad inserire altri

15 Dicembre 2016

Print Friendly, PDF & Email

Convocazione Conferenza unificata, nessun odg sul gioco

“Sul bilancio, Il pd non sembra disposto a collaborare e ad accettare le nostre proposte. Al momento non c’è disponibilità ad inserire altri emendamenti, come la rimodulazione dell’Irap per gli esercizi che si rifiutano di istallare le slot”.

In questo modo il consigliere regionale dell’Emilia Romagna, Andrea Bertani (M5S) commenta a PressGiochi l’attuale dibattito che è seguito con l’approvazione del bilancio.

“La scelta politica-prosegue Bertani- è quella di non mettere la lotta alla ludopatia tra le priorità e il bilancio è fatto di priorità. Una altra questione che resta in sospeso è il divieto di pubblicità”.

Sempre il consigliere del Movimento Cinque Stelle, da tempo attivissimo in materia di giochi, torna a discutere di un’altra proposta del suo gruppo già descritta su queste pagine.

“In assemblea all’ordine del giorno c’era anche la discussione sui beni regionali ed in particolare la cessione ad uso gratuito. E’ stato approvato l’emendamento secondo il quale i beni regionali concessi a organizzazioni e associazioni sia subordinato all’assenza negli stessi luoghi di attività di gioco d’azzardo, ma il nostro pdl era ancora più forte, in quanto prevedeva che tutte le associazioni iscritte al registro della regione(Arci etc) si impegnassero contro l’azzardo. La nostra idea era comunque quella di mandare un segnale sul tema”.

Questo emendamento andrà appunto all’interno del, progetto di legge della Giunta che modifica le norme in materia di cessione dei beni regionali, un pdl approvato con i “si” di Pd, M5s e Sel, la Lega si è astenuta.

In conclusione Bertani, esprime le sue perplessità sulla Conferenza Unificata, nella quale il presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini è, ovviamente, in “primissima fila”. “Ci piacerebbe sapere- conclude il consigliere-cosa accadrà nel giro dei sottosegretari, se Baretta resterà nella sua posizione, per ora è tutto piuttosto confuso e credo che i partiti sono ancora in pausa di riflessione”.

 

PressGiochi