01 Ottobre 2020 - 13:33

Emilia Romagna. Al via il marchio Slot-freE-R

Un adesivo con il logo Slot freE-R, Emilia Romagna libera dalle slot machine comparirà sulle vetrine degli esercizi che non hanno attivato la procedura per installare apparecchi da gioco che

16 Luglio 2015

Print Friendly, PDF & Email

Un adesivo con il logo Slot freE-R, Emilia Romagna libera dalle slot machine comparirà sulle vetrine degli esercizi che non hanno attivato la procedura per installare apparecchi da gioco che permettono vincite in denaro, su quelle in possesso di autorizzazione ma che scelgono di non attivare il collegamento telematico, su quelli che hanno disinstallato gli apparecchi e su quelli che non ospitano i totem telematici.

L’iniziativa fa parte della legge regionale di contrasto al gioco patologico, una norma che tra l’altro ha delegato ai Comuni l’incarico di segnalare i negozi che collaborano all’iniziativa.

«Sappiamo delle difficoltà che seguono alla scelta di non avere queste macchine – ha riconosciuto l’assessore alla Salute Chiara Sapigni presentando l’iniziativa – ma sappiamo anche cosa vedono i titolari: persone estraniate dal contesto che hanno lo sguardo solo per le macchine».

Nel progetto sono state coinvolte le associazioni di categoria, Fipe e Arci. «Non siamo contro i nostri associati che hanno queste macchine, i quali oltretutto sono i primi i ad andare in difficoltà nell’averle – ha specificato Matteo Musacci presidente provinciale Fipe – quando però ne parliamo ci rispondono che grazie a quelle pagano l’affitto. Speriamo che la Regione aiuti il Comune a premiare, economicamente e non, chi rinuncia a un’entrata sicura».

«Noi abbiamo già iniziato un’opera di dissuasione nei nostri circoli – spiega Agnese Casazza dell’Arci – già in cinque hanno tolto le macchine, e nel futuro non consentiremo di affiliarsi a chi vuole installare le videoslot».

PressGiochi