21 Ottobre 2021 - 11:36

EL esorta il Consiglio UE ad escludere la menzione esplicita al gioco d’azzardo dal Digital Services Act

In vista della riunione odierna del Consiglio dell’UE in cui sarà discusso il Digital Services Act (DSA), European Lotteries esorta i rappresentanti degli Stati membri dell’UE a escludere la menzione

14 Ottobre 2021

Print Friendly, PDF & Email

In vista della riunione odierna del Consiglio dell’UE in cui sarà discusso il Digital Services Act (DSA), European Lotteries esorta i rappresentanti degli Stati membri dell’UE a escludere la menzione esplicita al gioco d’azzardo online e ai servizi di scommesse nel contesto della libertà di stabilimento e della libertà per fornire servizi all’interno dell’UE: “Le legislazioni nazionali applicabili dovrebbero essere conformi al diritto dell’Unione, in particolare comprese la Carta e le disposizioni del trattato sulla libertà di stabilimento e di prestazione di servizi all’interno dell’Unione, in particolare per quanto riguarda i giochi d’azzardo e i servizi di scommesse online”.

Il riferimento specifico a “in particolare per quanto riguarda il gioco d’azzardo e i servizi di scommesse online” implica erroneamente che le normative nazionali sui contenuti illegali nel settore del gioco d’azzardo spesso non siano conformi al diritto dell’UE. Considerando che nella maggior parte degli Stati membri esistono sicuramente restrizioni alla libertà di fornire servizi di gioco d’azzardo online, queste leggi nazionali mirano a combattere la criminalità e le frodi e a proteggere i consumatori in modo tale da soddisfare i requisiti stabiliti dalla giurisprudenza della Corte di giustizia di l’Unione Europea.

Arjan van ‘t Veer, segretario generale di EL ha spiegato: “La menzione esplicita al gioco d’azzardo online e ai servizi di scommesse in questo particolare contesto è fuori luogo e dovrebbe pertanto essere eliminata. Non tiene conto di tutta la giurisprudenza pertinente della Corte di giustizia dell’UE e dell’approccio molto sfumato al settore del gioco d’azzardo a causa della sua natura peculiare. La Corte ha chiaramente confermato in più occasioni che le restrizioni nel settore del gioco d’azzardo sono giustificate da motivi di ordine pubblico, pubblica sicurezza, salute pubblica, nonché per motivi imperativi di interesse pubblico, quali la tutela dei consumatori, la lotta alle frodi, alla criminalità o allo spreco di soldi. Non riconoscerlo significa rischiare un aumento delle attività degli operatori di gioco illegale, danneggiando gli individui e la società nel suo insieme. EL esorta pertanto a escludere la menzione esplicita del gioco d’azzardo online e dei servizi di scommesse dalla legge sui servizi digitali nel contesto della libertà di stabilimento e della libertà di fornire servizi”.

Nella sua proposta originaria, la Commissione Europea ha sottolineato che il DSA non pregiudicherebbe la Direttiva e-Commerce (2000/31/EC) e che si basa sulle disposizioni ivi previste. Ciò implica che la chiara esclusione delle attività di gioco d’azzardo come stipulata nella direttiva sul commercio elettronico continuerebbe ad applicarsi anche ai sensi della DSA. Non è quindi molto chiaro il motivo per cui i “servizi di gioco d’azzardo e scommesse online” dovrebbero avere una menzione esplicita nel considerando 29 del testo finale della DSA relativo all’applicazione dei principi di libera circolazione, soprattutto quando non viene menzionato nessun altro settore.

 

 

PressGiochi

Fonte immagine: https://www.fintechbusiness.com/images/Digital-Banking-art-fintech.jpg