17 Gennaio 2021 - 01:12

Dpcm su zone arancioni e bianche: oggi il confronto del Premier Conte con le Regioni

Nuovo dpcm in arrivo con rinnovate regole e restrizioni, misure per spostamenti tra regioni, zona arancione, zona bianca e orari e divieti per i bar. Dopo l’incontro di ieri tra

11 Gennaio 2021

Print Friendly, PDF & Email

Nuovo dpcm in arrivo con rinnovate regole e restrizioni, misure per spostamenti tra regioni, zona arancione, zona bianca e orari e divieti per i bar. Dopo l’incontro di ieri tra il premier Giuseppe Conte e i capi delegazione di maggioranza, è fissato per oggi il confronto con le Regioni sul provvedimento atteso per il prossimo 16 gennaio.

Secondo quanto spiegato da fonti di governo, il nuovo dpcm “si accompagnerà a nuovi ristori”, mentre verrà prorogata la ‘norma Bonafede’ sul divieto di spostamento tra Regioni anche nelle zone gialle.

 

Premier e delegazioni hanno quindi discusso anche dell’ipotesi di un passaggio in zona arancione per le Regioni anche in presenza di un Rt basso se il rischio contagi così come indicato dai 21 parametri presi in considerazione in questi casi dovesse rimanere sempre alto.

Nella riunione, spiegano le stesse fonti, non è stata ancora presa una decisione sulla questione della zona arancione da estendere ‘in automatico’ durante i weekend.

Le fonti riferiscono inoltre che ci sarà una stretta sulla movida, con il divieto di asporto per i bar dopo le 18. Tra le norme da inserire nel provvedimento, anche la proroga della regola sulle visite private per sole due persone esclusi però gli under 14. Gli impianti di risalita delle piste da sci resteranno ancora chiusi; di una loro eventuale riapertura “non si è parlato nemmeno tanto” viene riferito. Restano da definire eventuali date e termini per la riapertura di palestre e piscine.

 

ZONA BIANCA – Altra novità del nuovo Dpcm è l’aggiunta di una quarta zona colorata: a gialla, arancione e rossa si aggiungerà la zona bianca, pensata – dicono da Palazzo Chigi – per dare un segnale di “prospettiva di uscita dalla pandemia”. Ma la zona bianca si avrebbe con indice Rt inferiore 1 e livello molto basso di rischio.

Il parametro potrebbe essere Rt pari a 0,50 ma si stanno valutando anche gli altri criteri proprio perché dovrà essere garantito che il virus non possa circolare.

Nella zona bianca scatterebbe il ritorno a una sorta di normalità, con spostamenti liberi ovunque e la riapertura di tutte quelle attività rimaste chiuse sino ad oggi, come cinema, teatri, musei, sale da concerto, palestre, piscine e forse anche sale giochi, scommesse e bingo.

Per ora purtroppo nessuna regione è a rischio così basso.

PressGiochi