23 Gennaio 2021 - 01:49

Donne del gioco legale in piazza a Roma. Campanella (Emirebus) a PressGiochi: “Impensabile prospettare una riapertura a marzo. Il settore è fatto da tante donne che devono tornare a lavoro”

“Stiamo cercando di attuare una strategia che permetta di dare una luce diversa al settore del gioco legale sperando che per una volta ci diano ascolto”. Lo afferma a PressGiochi

12 Gennaio 2021

Print Friendly, PDF & Email

“Stiamo cercando di attuare una strategia che permetta di dare una luce diversa al settore del gioco legale sperando che per una volta ci diano ascolto”.

Lo afferma a PressGiochi Antonia Campanella, presidente dell’associazione Emirebus. “La manifestazione è appunto indetta da noi di Emirebus in collaborazione con la Confederazione GiocareItalia di cui facciamo parte, vede qui  le donne del settore del gioco legale scendere in piazza per chiedere la riapertura di un settore che non può più attendere e d è allo stremo.

E’  importante dare un segnale ed evidenziare come il settore sia composto da migliaia di lavoratrici che si occupano della clientela nelle sale del territorio. Era doveroso oggi trovarci e incontrare esponenti di Palazzo Montecitorio. L’istanza che presento è quella di instaurare un dialogo con il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte o il Ministro all’economia Roberto Gualtieri. Non accetto altri interlocutori che continuino a prenderci in giro. Tempo non ne abbiamo più, le aziende che stanno fallendo sono molte. Impensabile prospettare una riapertura a marzo, le nostre sale non hanno nulla di più pericoloso – ai fini del contagio – di altre attività ad oggi operative, abbiamo protocolli aggiornati alle normative Covid, abbiamo locali spaziosi e non abbiamo un caso dichiarato di contagio all’interno delle nostre sale”.

 

Bar e ristoranti hanno avviato una protesta annunciando una riapertura. E’ un segnale che mostra l’impossibilità di molte aziende di continuare a restar chiuse…

 

“Dal nostro punto di vista una protesta simile sarebbe impossibile in quanto senza linea non potremmo raccogliere gioco. Ma il segnale che serve è anche quello di oggi per mostrare che il Governo deve intervenire il prima possibile. Ce la metteremo tutta” conclude Campanella.

 

Durante la manifestazione sono intervenuti anche alcuni esponenti di Forza Italia, Giorgio Mulé, Andrea Ruggeri e Mauro D’Attis che hanno rilasciato una breve dichiarazione a sostegno del settore.

“Non c’è un partito che non voglia dare sostegno ad imprenditori come voi siete. Vi assicuro che la vostra istanza è sostenuta da me e faremo tutto quello che serve affinché nel calendario dei prossimi giorni ci sia anche una risposta per le vostre richieste” ha dichiarato Ettore Rosato di Italia Viva presente insieme all’on. Massimo Ungaro.

 

 

Donne in piazza. Chiacchio (Confederazione GiocareItalia) a PressGiochi: “Tante attività rischiano il fallimento, riaprire con le regole””

 

PressGiochi