04 Dicembre 2020 - 15:13

Dl Ristori. Damiani (Fi): “Bingo, montepremi al 73% delle cartelle vendute”

“Al fine di garantire la continuità dell’operatività delle sale Bingo, a decorrere dal 1° gennaio 2021 il prelievo erariale ed il compenso per il controllore centralizzato del gioco del bingo

19 Novembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

“Al fine di garantire la continuità dell’operatività delle sale Bingo, a decorrere dal 1° gennaio 2021 il prelievo erariale ed il compenso per il controllore centralizzato del gioco del bingo sono fissati nella misura rispettivamente del 8% e del 1% del prezzo di vendita delle cartelle ed il montepremi è conseguentemente stabilito in almeno il 73% del prezzo della totalità delle cartelle vendute in ciascuna partita. Il concessionario versa il prelievo erariale e il compenso in maniera differita entro 90 giorni dal ritiro delle stesse e comunque entro il 15 dicembre di ciascun anno per il periodo relativo all’ultimo bimestre. L’importo costituente prelievo erariale deve essere coperto da idonea cauzione e su di esso sono dovuti interessi legali, calcolati dal giorno del ritiro fino a quello dell’effettivo versamento.

Il relativo onere, pari a 36 milioni, a decorrere dall’anno 2021 si provvede mediante riduzione del Fondo di cui alla legge 157 del 2019”.

E’ quanto propone in un emendamento il senatore Damiani di Forza Italia che tra le atre cose chiede anche interventi in materia di preu agli apparecchi da intrattenimento.

Propone infatti che “a decorrere dal 1 gennaio 2021 il diritto sulla parte della vincita è fissato al 12% delle vincite eccedenti i 500 euro. Allo stesso tempo si prevede di sopprimere la disposizione che prevede l’aumento del preu delle AWP  al 24% e delle Vlt al 8,60% dal 1 gennaio 2021”.

PressGiochi