05 Febbraio 2023 - 01:50

Dl Ministeri: inammissibile la proposta di passare al Mef la disciplina per l’analisi dei dati di gioco

La Commissione affari costituzionali della Camera ha dichiarato inammissibile l’emendamento a firma Bordonali (Lega), che attribuisce a un decreto del Ministro dell’economia, anziché del Ministro dell’interno, la disciplina dei criteri

30 Novembre 2022

Print Friendly, PDF & Email

La Commissione affari costituzionali della Camera ha dichiarato inammissibile l’emendamento a firma Bordonali (Lega), che attribuisce a un decreto del Ministro dell’economia, anziché del Ministro dell’interno, la disciplina dei criteri e delle garanzie necessarie per l’utilizzo e l’analisi dei dati contenuti nella rete telematica del gioco, di cui all’articolo 1, comma 728, della legge di bilancio 2020 (legge 160 del 2019), da parte dei soggetti autorizzati.

La proposta è stata presentata all’interno del DL 173/2022: Disposizioni urgenti in materia di riordino delle attribuzioni dei Ministeri, ma la Commissione ha specificato che il provvedimento d’urgenza interviene sulle denominazioni di numerosi ministeri, sugli assetti organizzativi e sulle attribuzioni degli stessi e della Presidenza del Consiglio, nonché sulla procedura che consente la riorganizzazione di tutti i ministeri, per questo ha ritenuto inammissibili le sole proposte emendative non riconducibili all’ambito materiale del riordino delle strutture ministeriali o di governo, né sotto il profilo dell’organizzazione né sotto il profilo delle attribuzioni, come quella presentata da Simona Bordonali.

PressGiochi