17 agosto 2019
ore 13:23
Home Le interviste Decreto Dignità. Marasco (Logico) a PressGiochi: “Colpo mortale alla parte più virtuosa del settore giochi”

Decreto Dignità. Marasco (Logico) a PressGiochi: “Colpo mortale alla parte più virtuosa del settore giochi”

SHARE
Decreto Dignità. Marasco (Logico) a PressGiochi: “Colpo mortale alla parte più virtuosa del settore giochi”

“Con il divieto introdotto dal Decreto Dignità ai giochi d’azzardo si è inferto un colpo mortale a quella parte del settore dei giochi che aveva dimostrato più di altri di essere virtuosa. Il gioco online prevede le più rigide tutele nei confronti del giocatore, come l’autoesclusione, i divieti ai minori, i limiti di deposito e così via. Anzi, i Monopoli ci avevano promesso che queste tutele avrebbero presto dovuto riguardare il gioco fisico, se non altro per garantirne la sostenibilità, ma non è avvenuto”.

 

Lo afferma a PressGiochi Moreno Marasco, presidente di Logico, associazione dei bookmaker online.

 

 

“Le linee guida dell’Agcom, – continua Marasco – che hanno chiarito alcuni dettagli su come applicare la norma, tutelano in qualche modo un livello minimo di informazione. E questo ci consente un po’ di mettere la testa fuori dall’acqua, all’interno di paletti giuridici pieni di pregiudizi. Ma spiace vedere che comunque tutelano le informazioni ex post e non quelle ex ante. Cioè, se ragioniamo senza pregiudizi, pensiamo che chi si occupa di marketing, con la pubblicità vorrebbe creare dei bisogni.

Questo, in realtà, non succede perché la pubblicità si limita a orientare i bisogni che già esistono. Quindi, una pubblicità di puro brand, e non di promozione, avrebbe un carattere informativo. Direbbe al consumatore che esiste quel brand. E questo dovrebbe essere ancora consentito.

In realtà, il concessionario non può fare altro che servire i giocatori che atterrano sul suo sito, se parliamo di online, o che capitano nella sua agenzia, se opera sul fisico. E questo vuol dire che non può svolgere più il compito di tutela del consumatore, aiutandolo a scegliere le proposte più convenienti, ma non fa altro che raccogliere una domanda che, in maniera spontanea, si reca nel suo punto vendita, fisico o virtuale”.

 

 

Leggi il servizio completo su PressGiochi Magazine

 

 

Bando scommesse. Ughi (Agisco) a PressGiochi: “Il decreto Dignità rischia di discriminare i nuovi operatori”

Pubblicità&gioco: andiamo a scuola dagli inglesi!

 

 

PressGiochi

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN