25 Gennaio 2021 - 18:40

De Raho (procuratore Antimafia): “Con ADM avviato un tavolo tecnico sulla criminalità organizzata”

Il sistema di contrasto alle mafie nell’accesso a finanziamenti e appalti nell’ambito dell’emergenza coronavirus “credo che stia funzionando e anche molto bene: sono state numerosissime le indagini che hanno evidenziato

09 Dicembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Il sistema di contrasto alle mafie nell’accesso a finanziamenti e appalti nell’ambito dell’emergenza coronavirus “credo che stia funzionando e anche molto bene: sono state numerosissime le indagini che hanno evidenziato i movimenti delle organizzazioni criminali e dei pregiudicati per reati di mafia”.

Lo ha detto il procuratore nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Raho, intervenendo a #UNLOCK_IT, seconda edizione di SUDeFUTURI, organizzato dalla Fondazione Magna Grecia, che si tiene da oggi all’11 dicembre in diretta streaming dal Palazzo dell’Informazione di AdnKronos, in piazza Mastai a Roma.

Risultati ottenuti, secondo il procuratore,- riporta Adnkronos.com –  perché “abbiamo una legislazione sia in materia antimafia che in materia anticorruzione che è la prima nel mondo, e dall’estero guardano ad esso come un modello per quello che negli anni l’Italia è riuscito a fare, fin dagli anni ’70. Nello stesso momento c’è la specializzazione delle forze di polizia, in primis la Guardia di finanza nel suo percorso di accertamento economico-finanziario. Poi c’è l’Agenzia delle Dogane, che rappresenta un osservatorio straordinario. Con loro come procura Nazionale antimafia abbiamo avviato un tavolo tecnico, insieme allo Scico della Gdf, sulla criminalità organizzata proprio per anticipare i movimenti della criminalità, sia per anticipare i movimenti nell’ambito dei finanziamenti sia per quanto riguarda la corruzione”, ha spiegato ancora.

E anche nei prossimi mesi le mafie proveranno a infiltrarsi. “Ovunque abbiamo occasione di creare profitto le mafie si pongono come soggetto al pari degli altri soggetti economici. La loro fisionomia oggi è diversa, le società di capitali attraverso cui si mimetizza la partecipazione mafiosa sono numerosissime. E numerosissimi sono i percorsi paralleli portati avanti”, ha spiegato Cafiero De Raho.

E allora per Cafiero de Raho la strada è sempre quella “di procedere in parallelo con prevenzione e repressione”. “Sulla base degli strumenti posti dalla legge, da un lato interdittive antimafia e controlli, e approfondimenti dalle procure distrettuali antimafia, dalla procura nazionale, dalla Guardia di Finanza, dall’Agenzia delle dogane, e dai Ros e dalla polizia di Stato con i suoi reparti specializzati. Questa è la prevenzione, l’impedimento che si possa accedere a finanziamenti e appalti, dall’altro la repressione con sequestri e arresti, che stanno continuando”, ha aggiunto.

PressGiochi